La domanda che è al centro della nostra memoria

La domanda che è al centro della nostra memoria

di Stefano Levi Della Torre

La memoria è la materia della propria identità, e ogni persona, ogni gruppo umano, ogni cultura o civiltà si narra eventi o miti che, in funzione di memoria, rendano conto di sé a sé stessi e del proprio esserci nel mondo. La memoria è una funzione della vita, e della costituzione di sé. Chi perde la memoria di sé, di sé non sa più nulla, perde sé stesso. Se non avessimo memoria di noi nel passato, non potremmo sentirci noi stessi ora, nella nostra attualità di soggetti.

Conoscere i Giusti

Conoscere i Giusti

il video di Gariwo

Non esisterà mai una tipologia esaustiva degli uomini Giusti, perché nel corso della storia e in ogni contesto appaiono sempre figure nuove, capaci con la loro coscienza e la loro capacità di giudizio di anticipare il corso degli avvenimenti. Esistono però delle caratteristiche comuni per riconoscere i Giusti?

Il Giardino dei Giusti di Milano

Il Giardino dei Giusti di Milano

una visita da non perdere

Forse non tutti sanno che a Milano c’è un Giardino che, a differenza degli altri, non è solamente un’oasi verde, ma è soprattutto un luogo di memoria e di educazione. È il Giardino dei Giusti di tutto il mondo, dove ci sono alberi, cippi e targhe in onore dei Giusti, uomini e donne che hanno aiutato le vittime di persecuzioni, salvaguardato la dignità umana e difeso i diritti dell’Uomo. Guarda il video per scoprirlo!

Il bene possibile. Essere Giusti nel proprio tempo

Il bene possibile. Essere Giusti nel proprio tempo

presentazione al Teatro Franco Parenti

Vi aspettiamo il 21 maggio, alle 19.30, al Teatro Franco Parenti di Milano, per la presentazione del nuovo libro del presidente di Gariwo, Il bene possibile. Essere Giusti nel proprio tempo (UTET). Insieme a Gabriele Nissim, Salvatore Natoli e Massimo Recalcati. Con letture di Andrée Ruth Shammah, e intermezzi musicali a cura del gruppo Klezmorim.

Il Tribunale del Bene. La storia di Moshe Bejski, l'uomo che creò il Giardino dei Giusti

Il Tribunale del Bene. La storia di Moshe Bejski, l'uomo che creò il Giardino dei Giusti

di Gabriele Nissim

Esiste a Gerusalemme, presso Yad Vashem (il Mausoleo dell’Olocausto che ricorda le vittime dello sterminio nazista) un luogo chiamato Giardino dei Giusti, dove ogni albero piantato ricorda un uomo che durante la Shoah ha salvato almeno un ebreo dalla persecuzione nazista. A idearlo è stato Moshe Bejski, che ha saputo trasformare il suo destino personale in un esempio universale.

È tempo di mettersi in ascolto

È tempo di mettersi in ascolto

di Massimiliano Speziani

“È tempo di mettersi in ascolto/ È tempo di fare silenzio dentro di sé...”. Così inizia lo scritto di Antonio Neiwiller. In un momento di emergenza collettiva come questo, accompagnare la propria quotidianità con raccoglimento, con ascolto e silenzio, non è solo un buon consiglio per il proprio benessere.

Cento volte Il Memorioso

Cento volte Il Memorioso

l'esperienza raccontata da Massimiliano Speziani

Il Memorioso, breve guida alla memoria del bene, lo spettacolo ispirato alle storie dei Giusti, tratto dai libri di Gabriele Nissim e realizzato dall'attore Massimiliano Speziani assieme alla regista attrice Paola Bigatto, compie sette anni e raggiunge quota cento repliche.