English version | Cerca nel sito:

Giardino di Kfarnabrakh

Diario dal Libano

A Kfarnabrakh vivono drusi e cristiani e ogni famiglia ospita qualche immigrato. Ai piedi della nuova struttura educativa - che diverrà centro di convivenza, scuola e rifugio -, gli olivi che portano le targhe dei Giusti costituiscono un messaggio: aprire insieme la pagina della memoria del bene per poter guardare al futuro.


Rassegna stampa | Il primo Giardino dei Giusti in Libano

La notizia è stata ripresa da  Avvenire, dal sito ufficiale della Comunità Ebraica di Milano Mosaico CEM, dal portale dell'ebraismo italiano Moked, dal quotidiano online In Terris, dal sito della Comunità Armena, dalle agenzie ANSAMed, AgenSIR, Agenzia Nova e Agenzia Comunica.


Nasce un Giardino dei Giusti in Libano

Nel villaggio di Kfarnabrakh, a 45 km da Beirut, è stato inaugurato il primo Giardino dei Giusti in Libano con la dedica di alberi di olivo in onore di dieci Giusti. L’iniziativa nasce dalla comune volontà di Gariwo e dell’associazione libanese Annas Linnas di perseguire il bene comune e la solidarietà. 


Giardino di Kfrarnabrakh, Libano

Il 29 giugno 2019 nel villaggio di Kfarnabrakh, a 45 km da Beirut, è stato inaugurato il primo Giardino dei Giusti in Libano con la dedica di nove alberi di olivo in onore di dieci Giusti dell’umanità appartenenti a etnie, religioni e credi diversi. L’iniziativa nasce dalla comune volontà di Gariwo e dell’associazione libanese Annas Linnas di perseguire il bene comune e la solidarietà ed è stata realizzata all’interno del Giardino Educativo Sensoriale situato sulla collina di Kfarnabrakh.

leggi tutto