English version | Cerca nel sito:

Sala, Setti e Gnecchi Ruscone

la San Vincenzo e l'assistenza ai perseguitati

La famiglia Sala

La famiglia Sala

Il 6 marzo 2014, in occasione della Giornata europea dei Giusti, l'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano - di cui Gariwo fa parte insieme a Comune di Milano e UCEI - ha dedicato un albero e un cippo al Giardino del Monte Stella a Giuseppe Sala, in onore dei Giusti milanesi.

In seguito alla cerimonia abbiamo parlato con Stefano Gnecchi Ruscone, figlio di Piero, che insieme a Sala e per incarico del Cardinale Schuster diede assistenza ai perseguitati - tra cui molti ebrei. Ecco quello che ci ha raccontato:

L’avvocato Sala era al tempo presidente del Consiglio superiore lombardo della Società di San Vincenzo de Paoli. Presidente del Consiglio centrale di Milano della società di San Vincenzo era invece l’ingegner Bruno Setti.

La società di San Vincenzo agiva normalmente presso le parrocchie, ma aveva un’Opera speciale che si chiamava Patronato di San Vincenzo per giovani operai, in Via Benvenuto Cellini 14, qui a Milano. Presidente di questo patronato - che è stato poi bombardato, fortunatamente quando i ragazzi erano già andati via - era mio padre, Piero Gnecchi Ruscone. Giuseppe Sala, l’ingegner Setti e mio padre, per incarico del Cardinale Schuster,  assistevano i fuggiaschi, ebrei e non ebrei, e li nascondevano nelle cantine del patronato bombardato. Questa sistemazione naturalmente era transitoria, perché poi queste persone venivano in genere condotte verso la Svizzera.

Vorrei poi aggiungere un particolare che riguarda la vicenda di mio padre, antifascista attivo sopra Milano, a Inzago. Nel 1944 le SS lo hanno catturato e interrogato varie volte. È stato mandato nel carcere di Monza, dove rimase tre giorni, e poi spostato a San Vittore, da cui riuscì a evadere - molto probabilmente grazie alla famosa Suora Enrichetta. Mio padre ricordava che, dopo uno di questi interrogatori, le SS lo ammonirono dicendogli di stare lontano “dalle cattive compagnie, ovvero dall’avvocato Sala e dall’ingegner Setti”.

L’opera di soccorso di Sala e di mio padre non si esaurisce qui. Tutte le nostre famiglie, infatti, hanno ospitato ebrei. Ricordo dei signori abbastanza anziani, che un giorno sono scomparsi. A noi bambini è stato detto semplicemente che erano andati via, quando invece questa famiglia era stata portata in Svizzera.

8 aprile 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Il Giardino dei Giusti di Milano

contro tutti i genocidi

Il 24 gennaio 2003, a Milano, in un'area del parco Monte Stella, è stato inaugurato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo, gestito da un'associazione appositamente costituita dal Comune di Milano insieme all'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e al Comitato Foresta dei Giusti-Gariwo.
Nel corso degli anni sono state onorate figure esemplari di resistenza morale in Rwanda, in America Latina, in Bosnia, nell'Europa oppressa dal nazismo e dal comunismo, in Tunisia, in Russia, in Iran.

leggi tutto

Multimedia

L'intervento di Gabriele Nissim al Monte Stella

per la Giornata europea dei Giusti 2017

La storia

​Sonita Alizadeh

la rapper che ha denunciato il dramma delle spose bambine