English version | Cerca nel sito:

Un appello per i Giusti, ai Milanesi di buona volontà

Di Amedeo Vigorelli

Kant scrive nella Fondazione della metafisica dei costumi che non vi è nessuna cosa al mondo che si possa considerare incondizionatamente buona, salvo la buona volontà. Il Bene non è un feticcio da idolatrare, in concorrenza con gli altri e minori beni utilitari, a cui aspira la nostra ricerca della felicità. Neppure Dio, che rappresenta per noi il sommo bene, è una cosa, un ente di cui si possa dimostrare l’esistenza, ma il termine e il sigillo della tensione verso l’infinito della nostra volontà morale. In questo senso, Kant è il fondatore riconosciuto dell’etica laica e moderna, che sostituisce al bene la bontà e giustizia dell’agire.

A questa forma di eticità laicale (ma non per questo meno religiosa della morale teologica) si sono ispirati molti maestri del XX secolo. Nel secolo che ha voluto sperimentare la vita come guerra, la sostanza etica dello stato e della civiltà è stata preservata piuttosto dai singoli che dalle masse: quelli che hanno saputo perseverare nelle azioni secondo verità e giustizia, senza tradire la volontà buona. I nomi di Bonhoeffer, Stein, Arendt, Roncalli, Weil, Patocka (una ghirlanda di nomi, che non finisce mai di arricchirsi di gemme oscure e dimenticate) vengono subito alla memoria, quando parliamo dei giusti. Per questo il dovere della memoria si è sostituito per noi ai molti doveri di una moralità, di cui abbiamo sovente smarrito la bussola.

Nell’anno dell’orgoglio e della retorica civica, così enfatizzata dalla Esposizione Universale, si sta consumando a Milano un attentato silenzioso a una delle più belle iniziative di autentico civismo, costruite caparbiamente, negli anni, dall’Associazione per il Giardino dei Giusti del Monte Stella. E’ bastato avanzare un progetto di riqualificazione dell’area che, senza nulla togliere al godimento dei residenti e senza nulla mutare nella destinazione pubblica dell’area verde, adeguasse il Giardino ai modelli e ai criteri architettonici sperimentati in tanti altri paesi del mondo (basti pensare al Museo della Memoria di Gerusalemme, annualmente visitato con commozione da tanti milanesi), perché si accendesse una scia calunniosa di recriminazioni, sospetti, commenti “superciliosi” di improvvisate Vestali del paesaggio urbano, false e non richieste attestazioni di solidarietà pelosa, che ha finito per avvolgere in una nebbia (questa sì molto milanese) di indecisione, ciò che il Sindaco (l’unico ad avere voce in capitolo sulla destinazione dell’area) pareva avere concesso in perfetta buona fede.

Mi auguro che i cittadini milanesi, che conoscono poco queste polemiche meschine e provinciali, sappiano circondare di affetto l’iniziativa dei Giusti del Monte Stella, e coprire di una risata liberatoria il vocìo malevolo e pretestuoso degli Azzeccagarbugli e degli eterni Ferrer, che il nostro Manzoni aveva saputo così bene dipingere e sanzionare con omerico riso.

Amedeo Vigorelli, docente di Filosofia morale all'Università degli Studi di Milano

Analisi di Amedeo Vigorelli, docente di Filosofia morale all'Università degli Studi di Milano

29 giugno 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Il Giardino dei Giusti di Milano

contro tutti i genocidi

Il 24 gennaio 2003, a Milano, in un'area del parco Monte Stella, è stato inaugurato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo, gestito da un'associazione appositamente costituita dal Comune di Milano insieme all'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e al Comitato Foresta dei Giusti-Gariwo.
Nel corso degli anni sono state onorate figure esemplari di resistenza morale in Rwanda, in America Latina, in Bosnia, nell'Europa oppressa dal nazismo e dal comunismo, in Tunisia, in Russia, in Iran.

leggi tutto

Scopri tra gli Editoriali

Multimedia

Klaas Smelik per Etty Hillesum

per la Giornata europea dei Giusti 2017

La storia

Razan Zaitouneh

un'avvocatessa in difesa dei diritti umani e contro il fanatismo in Siria