Gariwo
https://it.gariwo.net/giardini/giardino-di-neve-shalom-wahat-salam/un-messaggio-dal-villaggio-di-neve-shalom-wahat-al-salam-23710.html
Gariwo

Un messaggio dal villaggio di Neve Shalom - Wahat al Salam

il villaggio cooperativo nel quale vivono insieme ebrei e palestinesi

Neve Shalom - Wahat al Salam ("oasi di pace" in ebraico e in arabo) è il villaggio israeliano abitato da palestinesi ed ebrei che sorge su di una collina, in Israele, a metà strada tra Gerusalemme e Tel Aviv. Si tratta di una realtà di convivenza e riconciliazione nata in una terra sconvolta dal conflitto. Una comunità intenzionale di famiglie (l’unica, in Israele), metà ebree e metà palestinesi, tutte di cittadinanza israeliana, che hanno scelto di abitare e far studiare i propri figli insieme. Dando vita a un modello concreto di coesistenza alla pari e aprendosi al resto del Paese e alle altre realtà, israeliane e palestinesi, che lavorano per costruire il dialogo. Nel 2015, dalla collaborazione tra le autorità locali e Gariwo a Neve Shalom è nato un Giardino che onora figure di  soccorritori che si sono spesi per la vita e la dignità umana.
Oggi da questo villaggio arriva un messaggio disperato ma nello stesso tempo di speranza che chiede la cessazione della violenza. La sindaca, Rita Boulos, ha inviato questo scritto all'Associazione Italiana Amici di Neve Shalom Wahat al-Salam. Lo riportiamo di seguito come apparso sulle pagine social dell'Associazione.

"Innanzitutto, come abbiamo scritto su Facebook, le nostre istituzioni educative oggi sono chiuse. Questo per ordinanza del governo; tutte le aree che sono state colpite nei recenti attacchi missilistici, fino alla periferia nord di Tel Aviv, sono state obbligate a chiudere. Nel Villaggio non siamo stati colpiti direttamente. Anche se abbiamo sentito le sirene da alcune città vicine, la sirena del Villaggio finora non ha suonato, il che significa che non siamo ancora stati in pericolo diretto. Questo non significa però che non abbiamo paura, perché tutti noi abbiamo persone care nei luoghi che sono stati colpiti. Per esempio, mia madre, mia sorella, mio fratello e altri parenti stretti vivono nella città mista arabo-ebraica di Lydda/Lod/Lid, una delle città più colpite. La città ha subìto sia disordini civili, nei quali un cittadino palestinese israeliano è stato colpito a morte, sia, la scorsa notte, un missile proveniente da Gaza ha ucciso un padre e una figlia. 

Oltre al dolore immediato e alla paura per i nostri cari, tutti nel nostro Villaggio sono arrabbiati e rattristati da questo ennesimo scoppio di violenza. Tutto il nostro lavoro mira a risvegliare la speranza di un futuro migliore, più equo, pacifico e sicuro per ebrei e palestinesi, ovunque essi vivano. Ogni nuovo scoppio di violenza fornisce la testimonianza concreta che siamo molto lontani da un tale futuro. Mostra la rabbia e la disperazione di persone che vivono in una situazione intollerabile. Mostra la mancanza di preoccupazione e l’assenza di volontà politica di cambiamento da parte dei leader. Evidenzia il razzismo e l’odio che prevalgono sul terreno. Siamo inorriditi dal fatto che persone innocenti, come quelle tre vittime di Lydda, siano così spesso quelle che pagano il prezzo di questi fallimenti politici, educativi e morali. Il modo parziale e unilaterale in cui gli eventi sono riportati non fa che aumentare il livello di violenza e il desiderio di vendetta. 

Ieri sera, mentre sentivamo le esplosioni e guardavamo dai nostri balconi i missili cadere su Lydda, Ramle e tutta la regione centrale, ho dovuto dire a mia nipote di tre anni che erano solo fuochid’artificio. I bambini della nostra scuola elementare sono troppo grandi per queste storie, ma sono troppo piccoli per capire. Nella scuola, gli insegnanti hanno condotto discussioni accurate in modo che potessero esprimere i loro sentimenti. Il nostro consiglio regionale, che comprende una piccola minoranza di villaggi palestinesi, ha chiesto ai rappresentanti di tutte le sue località di firmare una dichiarazione che chiede la calma tra i suoi cittadini ebrei e arabi, e anche noi l’abbiamo firmata, nonostante i dubbi. Sullo sfondo dell’attuale conflitto, c’è il pericolo che le relazioni tra cittadini ebrei e palestinesi all’interno di Israele stesso si deteriorino ulteriormente, come abbiamo visto a Gerusalemme, a Lydda e in altri luoghi. Molto dipenderà dalla moderazione dimostrata non solo dai cittadini, ma anche dalle forze di polizia e di sicurezza, che hanno agito con insensibilità e mano pesante. Ieri, per esempio, mentre la gente era seduta a piangere la morte del giovane residente di Lydda che era stato colpito da un colono religioso, la polizia ha disperso i partecipanti al lutto con fumogeni e granate assordanti. 

L’attuale violenza è solo l’ultimo risultato di tensioni prolungate e latenti, che senza una soluzione politica e integrale, erano destinate a scoppiare. Di nuovo noi condanniamo la violenza da entrambe le parti. Ai nostri amici in tutto il mondo, il nostro messaggio è innanzitutto di chiedere la cessazione immediata della violenza. Anche se in apparenza è la parte israeliana che vuole continuare la sua campagna, la pressione internazionale deve essere applicata ovunque sia necessario per ottenere un cessate il fuoco. Un cessate il fuoco eviterà la perdita immediata di vite umane e la sofferenza di molte persone innocenti. Non impedirà il prossimo round di violenza, o il costante peggioramento verso una situazione cronicamente insostenibile in cui né i palestinesi né gli israeliani potranno vivere in pace e sicurezza. A Wahat al-Salam - Neve Shalom continueremo a educare alla pace e a fornire un esempio di una società alternativa condivisa e uguale tra cittadini ebrei e palestinesi. Infine, preghiamo che i musulmani possano godere di un pacifico e benedetto Eid al-Fitr, e gli ebrei e i cristiani possano godere di una pacifica e gioiosa festa di Shavuoth/Pentecoste."

13 maggio 2021

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Grazie per aver dato la tua adesione!

Cerimonia 2020 al villaggio di Neve Shalom Wahat al-Salam

guarda tutte le fotografie

Contenuti correlati