English version | Cerca nel sito:

Giardino di Tunisi

​La diplomazia del Bene

Di fronte a chi semina terrore e uccide senza pietà centinaia di persone, donne e bambini, la cui colpa è soltanto quella di amare la vita, noi celebriamo invece quegli individui che sono disponibili a sacrificarsi per il principio opposto rispetto a quello che guida i terroristi.


Il messaggio di sostegno di Brando Benifei per l'inaugurazione del Giardino dei Giusti di Tunisi

L'inaugurazione del Giardino dei Giusti di Tunisi, il primo in un Paese arabo ha ricevuto, insieme a molti altri, anche il sostegno di Brando Benifei, eurodeputato del gruppo S&D.


Inchinarsi al cospetto di persone normali

Con il Giardino noi ci inchiniamo rispettosi e riconoscenti al cospetto di persone normali, sconosciute fino al momento in cui hanno compiuto i loro gesti meritori. È un piacere dedicare il nostro impegno a queste persone.


Faiza ricorda il padre Khaled Abdul Wahab

"Fu con naturalezza che mio padre fece quanto possibile per aiutare i concittadini tunisini mentre erano minacciati da un pericolo esterno per via della loro religione". Il messaggio dedicato ad Abdul Wahab durante l'inaugurazione del Giardino dei Giusti di Tunisi.


In onore di Khaled al Asaad

"Quando venni a sapere della tragica morte di Khaled al Asaad cominciai a piangere di un pianto dirotto. Ebbi la sensazione che fosse stato brutalmente violato qualcosa di sacro e intoccabile". Il messaggio di Cristina Miedico, Direttrice Museo Archeologico di Angera


A Tunisi un albero per Khaled al-Asaad

Tra i primi alberi del Giardino di Tunisi, anche uno dedicato a Khaled al-Asaad, il "custode" di Palmira trucidato dall'Isis. L'iniziativa, frutto del lavoro congiunto di Gariwo e della Farnesina, ha ricevuto anche il sostegno di Andrea Carandini, Presidente FAI - Fondo Ambiente Italiano. 


Il Giardino di Tunisi

Il 15 luglio 2016 è stato inaugurato il Giardino dei Giusti di Tunisi, il primo in un paese arabo, all'interno dell'ambasciata d'Italia a Tunisi. I primi Giusti onorati sono Hamadi Abdesslem, Mohamed Buoazizi, Khaled Abdul Wahab, Khaled al-Asaad, Faraaz Hussein.

leggi tutto