English version | Cerca nel sito:

Rassegna stampa | Un ulivo in onore di Lina Ben Mhenni

nel Giardino dei Giusti dell'Ambasciata d'Italia a Tunisi

Quotidiani e agenzie italiani e tunisini hanno dato la notizia dell'albero dedicato alla giovane blogger e attivista tunisina Lina Ben Mhenni nel Giardino dei Giusti dell’Ambasciata d’Italia a Tunisi. La cerimonia, in omaggio alla giovane scomparsa lo scorso gennaio, è stata riferita da ANSAmed, Agenzia Nova, AgenSir e Agenzia Comunica.

Tra i quotidiani, Repubblica.it (in un articolo a firma di Giampaolo Cadalanu) e l’Avanti (nell'articolo di Alessandro Perelli) hanno dato spazio all’iniziativa dell’Ambasciata d’Italia a Tunisi e di Gariwo per onorare l’impegno politico e sociale di Lina Ben Mhenni con la posa di un nuovo ulivo.

Moked, portale dell'ebraismo italiano, e Mosaico CEM (sito della Comunità ebrica di Milano) hanno parlato della cerimonia ristretta tenuta all'Ambasciata d'Italia con i familiari e gli amici di Lina, alla presenza del Ministro dei diritti umani e dei rapporti con le istanze costituzionali e la società civile, Ayachi Hammami.

Tra i media tunisini, i giornali La Presse.tn , Realites online, Kapitalis.com, Tunisie Numerique, Webdo hanno evidenziato l'omaggio reso dall'Italia all'attivista divenuta famosa per le numerose battaglie “in difesa delle libertà, della democrazia e della salvaguardia del pianeta”.

6 luglio 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Il Giardino di Tunisi

Il 15 luglio 2016 è stato inaugurato il Giardino dei Giusti di Tunisi, il primo in un paese arabo, all'interno dell'ambasciata d'Italia a Tunisi. I primi Giusti onorati sono Hamadi Abdesslem, Mohamed Buoazizi, Khaled Abdul Wahab, Khaled al-Asaad, Faraaz Hussein.

leggi tutto