English version | Cerca nel sito:

Un movimento culturale per promuovere il bene nel mondo post-Covid

Incontro tra i rappresentanti dei Giardini dei Giusti della Lombardia alla ricerca di nuove sinergie

Un momento d’incontro e condivisione per capire quali strategie intraprendere in una stagione inedita e difficile, che porta a sfide nuove per chi si occupa di promuovere la cultura del bene. Con questo spirito ieri, mercoledì 16 settembre, si sono riuniti i rappresentanti di alcuni degli oltre 40 giardini dei Giusti presenti in Lombardia, una delle regioni più martoriate dal Covid-19. A dare il benvenuto ai rappresentanti, giunti da varie città della regione, una delegazione di “Gariwo, la foresta dei Giusti” e il Presidente del Consiglio comunale di Milano, Lamberto Bertolè, che ha rimarcato l’importanza di essere uniti in un momento così delicato, in cui non può venire meno il ruolo dei Giardini dei Giusti, quello di “provocarci con una domanda: siamo disposti a prenderci dei rischi con delle scelte di responsabilità rispetto al destino collettivo?”

Un discorso che ha trovato d’accordo Roberto Cremaschi, membro del Consiglio comunale di Bergamo, giunto al Monte Stella in rappresentanza del Giardino dei Giusti di Bergamo, una delle città più colpite dal virus. “Siamo qui in un momento di ripartenza alla ricerca di comunanza”, ha spiegato Cremaschi. “Dobbiamo chiederci come ci rapporteremo con i “Giusti” della fase pandemica. Del resto la scelta di onorare al Giardino di Milano Wallace Broecker, ‘pioniere’ degli studi sui cambiamenti climatici va in questa direzione”. E su chi sono stati i Giusti durante la crisi pandemica, Cremaschi non ha dubbi: “Sono coloro che hanno saputo stare a loro posto o hanno trovato il loro posto durante la crisi”.

Nel salutare i rappresentanti dei Giardini, il Presidente di Gariwo Gabriele Nissim si è detto “contento di creare sinergie regionali. L’obiettivo comune è quello di legare i Giusti del passato con quelli del presente. Il Covid-19 ha messo in luce i problemi dell’umanità contemporanea: nazionalismi, odio online, egoismo. Per questo motivo dobbiamo lanciare un grande movimento culturale per indicare i riferimenti morali dell’oggi, basati sul contrasto ai cambiamenti climatici, la collaborazione internazionale e la lotta per la difesa della democrazia”.

Sentimento condiviso da Giorgio Mortara, rappresentante dell’UCEI all’interno dell’Associazione Giardino dei Giusti di Milano, che ha invitato i giardini a essere “una rete fatta da realtà diverse, con identità diverse ma aperte a un confronto positivo”, che abbia come obiettivo “non solo la memoria del passato ma anche la formazione di giovani responsabili”.

All’incontro ha partecipato anche il Console onorario della Repubblica d’Armenia Pietro Kuciukian, co-fondatore di Gariwo, che ha fatto un paragone tra le difficoltà di oggi e quelle successive alla Prima guerra mondiale, un periodo in cui l’esploratore e umanista norvegese Fridtjof Nansen permise, attraverso l’omonimo passaporto, di aiutare milioni di profughi in tutta Europa.

Da segnalare inoltre l’intervento di Enrico Fedrighini, consigliere comunale di Milano, che ha spiegato come l’Associazione Giardino dei Giusti di Milano sia parte di una rete di realtà associative locali che stanno lavorando alla creazione di un progetto di “invarianza idraulica” al parco Monte Stella. “Un impegno che conferma che il Giardino dei Giusti è un luogo di memoria con uno sguardo al futuro”, ha spiegato Fedrighini.

17 settembre 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

I Giardini dei Giusti

di tutto il mondo

I Giardini dei Giusti sono luoghi della memoria dedicati a coloro che si sono opposti alla violazione dei diritti umani nella Storia più recente, segnata dal diffondersi delle pratiche genocidarie.

Dopo il Giardino di Yad Vashem, nel Memoriale della Shoah a Gerusalemme, sono nati altri giardini in ogni parte del mondo, come a Yerevan, accanto al Museo del Genocidio degli Armeni, a Milano, a Sarajevo, in Polonia, negli Stati Uniti.

Gli alberi simboleggiano la vita e invitano a difenderla contro i messaggeri di morte; l'esempio dei Giusti diventa un richiamo per la nostra coscienza e dimostra che anche in condizioni estreme si può scegliere di non rimanere indifferenti.

Per questo i Giardini dei Giusti sono la memoria educativa delle nuove generazioni, protagoniste della Storia di domani, a cui propongono non solo un monito, ma un'alternativa percorribile e un messaggio di speranza.

La foresta dei Giusti

Giardini e altri luoghi della Memoria

in Italia e nel mondo