English version | Cerca nel sito:

Dalla memoria della Shoah ai Giusti del nostro tempo

Una legge per ricordare il bene

Il 10 maggio 2012 il Parlamento europeo ha approvato la Dichiarazione scritta che istituisce il 6 marzo come Giornata europea in memoria dei Giusti. Il concetto di Giusto, nato dall’elaborazione del memoriale di Yad Vashem per ricordare i non ebrei che sono andati in soccorso degli ebrei, è stato ampliato fino a includere tutti coloro che si sono battuti e si battono contro ogni persecuzione ed è così diventato patrimonio di tutta l’umanità.

Da queste premesse è nata la proposta di legge, di cui sono promotrice e relatore Milena Santerini ed Emanuele Fiano, per l’istituzione di una Giornata in memoria dei Giusti dell’umanità ancheda parte del Parlamento italiano. Presentata il 30 gennaio 2014 e calendarizzata lo scorso 8 settembre nella Commissione Affari Costituzionali, la proposta di legge è solo all’inizio di un percorso che si concluderà in aula.

In occasione della Giornata della Giornata della Memoria, Gariwo e l’on. Milena Santerini hanno organizzato l’incontro Dalla memoria della Shoah ai Giusti del nostro tempo. Una legge per ricordare il bene. L’appuntamento è per giovedì 26 gennaio alle ore 14.30 presso la Sala del Mappamondo di Palazzo Montecitorio. (Nel box approfondimenti la locandina dell’iniziativa)

Con i saluti di Marina Sereni – Vice Presidente della Camera dei Deputati; Noemi Di Segni – Presidente UCEI - Unione Comunità Ebraiche Italiane; Victoria Bagdassarian – Ambasciatrice della Repubblica d’Armenia; Emanuele Fiano – Deputato, Capogruppo PD Commissione Affari Costituzionali; Gabriele Nissim – Presidente Gariwo, la foresta dei Giusti. Introduce Milena Santerini - Deputata Democrazia solidale - CD, Presidente Alleanza Parlamentare contro l’intolleranza e il razzismo del Consiglio d’Europa, modera Antonio Ferrari – Editorialista Corriere della Sera. Seguiranno gli interventi di Emilio Barbarani - già Ambasciatore a Santiago del Cile; Stefano Levi Della Torre - Saggista; Giorgio Mortara - Vice Presidente UCEI; Françoise Kankindi – Presidente Bene Rwanda.

Per partecipare è necessario accreditarsi scrivendo a teresa.marotta@camera.it
Obbligo di giacca per gli uomini

Ancor più in occasione della Giornata della Memoria è importante ricordare, come ha sottolineato Emanuele Fiano, che “raccontare il bene è il migliore antidoto al male, per evitare che gli errori commessi in passato non si ripetano più”.

Il coraggio di un solo uomo può sempre fare la differenza: questo è il messaggio di cui i Giusti sono portatori, che deve essere trasmesso soprattutto ai giovani affinché non vada perduto. Tale messaggio infatti, come ha ricordato Milena Santerini, “ha un fondamentale ruolo pedagogico, poiché insegna che è sempre possibile scegliere il bene, anche nei momenti più difficili. Questo è ancora più importante in un momento di scetticismo da parte dei giovani, e può davvero aiutare a rifiutare l’idea sovrastante del male”.

Siamo in un momento delicato della fase politica del Paese, in attesa di conoscere la durata dell’attuale legislatura. Sia in caso di rapida approvazione da parte della sola Commissione, sia di una legislatura più lunga che permetta di completare il percorso della legge in aula, ci auguriamo che il progetto per una Giornata in memoria dei Giusti dell’umanità venga ampiamente sostenuto e condiviso.

In un momento politico, etico e culturale molto difficile, di fronte alla crisi dell’Unione, al diffondersi dei nazionalismi, ai conflitti in Medio Oriente e al fenomeno del radicalismo islamico, anche il nostro Paese non può esimersi dal ricordare con una Giornata in memoria dei Giusti dell’umanità le donne e gli uomini che si impegno a soccorrere i perseguitati, a difendere la dignità umana e a testimoniare la verità per non dimenticare.

20 gennaio 2017

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Giornata europea dei Giusti

Il valore dell’individuo e della responsabilità personale

Il 10 maggio il Parlamento di Strasburgo ha approvato la Dichiarazione scritta che istituisce il 6 marzo come Giornata europea in memoria dei Giusti.
Il concetto di Giusto, nato dall’elaborazione del memoriale di Yad Vashem per ricordare i non ebrei che sono andati in soccorso degli ebrei, diventa così patrimonio di tutta l’umanità.

Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

Il termine “Giusto” non è più circoscritto alla Shoah ma diventa un punto di riferimento per ricordare quanti in tutti i genocidi e totalitarismi si sono prodigati per difendere la dignità umana.

Il significato di questa decisione richiama uno degli elementi fondanti della cultura europea: il valore dell’individuo e della responsabilità personale.

leggi tutto