Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Gli interventi della cerimonia del 6 marzo

disponibili sul canale YouTube di Gariwo

Disponibili sul canale YouTube di Gariwo i video della cerimonia del 6 marzo 2014 al Giardino dei Giusti del Monte Stella, in occasione della dedica dei nuovi alberi a Nelson Mandela, Angelo Giuseppe Roncalli, Beatrice Rohner, Giuseppe Sala, Fernanda Wittgens e don Giovanni Barbareschi, alla presenza delle autorità e dei familiari dei Giusti onorati. 


Oltre al video della giornata, che si conclude con il concerto Musica per la gratitudine nella Sala Alessi di Palazzo Marino, con Ani Martirosyan, Tomoko Murakoshi, Paolo Gilardi, Iakov Zats, e la partecipazione straordinaria del Maestro Gaetano Liguori, sono disponibili gli interventi di Giuliano Pisapia, Monsignor De Scalzi, Gabriele Nissim, Clarence Seedorf, Sello Hatang, Basilio Rizzo, Marco Roncalli, Giorgio Mortara, Sandrina Bandera, Claudio Sala, don Giovanni Barbareschi, Pietro Kuciukian e Sargis Ghazaryan.


Di seguito gli interventi in ricordo di Mandela:






Gli interventi per Roncalli:






Gli interventi su Betarice Rohner: 






Gli interventi dei familiari dei Giusti milanesi e di don Giovanni Barbareschi:


15 aprile 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Giornata europea dei Giusti

Il valore dell’individuo e della responsabilità personale

Il 10 maggio il Parlamento di Strasburgo ha approvato la Dichiarazione scritta che istituisce il 6 marzo come Giornata europea in memoria dei Giusti.
Il concetto di Giusto, nato dall’elaborazione del memoriale di Yad Vashem per ricordare i non ebrei che sono andati in soccorso degli ebrei, diventa così patrimonio di tutta l’umanità.

Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

Il termine “Giusto” non è più circoscritto alla Shoah ma diventa un punto di riferimento per ricordare quanti in tutti i genocidi e totalitarismi si sono prodigati per difendere la dignità umana.

Il significato di questa decisione richiama uno degli elementi fondanti della cultura europea: il valore dell’individuo e della responsabilità personale.

leggi tutto

Multimedia

L'Ambasciatore di Norvegia Bjorn Grydeland ricorda Fridtjof Nansen

6 marzo 2013, Milano - prima Giornata europea dei Giusti