English version | Cerca nel sito:

Il valore universale dei Giusti della Shoah

intervista a Roberto Jarach

Roberto Jarach

Roberto Jarach

Il significato di "fare memoria", l'importanza di onorare i soccorritori nella Giornata europea dei Giusti, il valore universale delle esperienze dei Giusti della Shoah, il messaggio di queste figure esemplari. Intervista a Roberto Jarach, vicepresidente UCEI e vicepresidente Fondazione Memoriale della Shoah di Milano.

Cosa significa per lei “fare memoria”?

Secondo me la memoria ha fondamentalmente un valore educativo e formativo per i giovani, serve cioè a trasmettere attraverso i fatti del passato i valori dell’etica e della morale per costruire il futuro.

All’interno di questo principio, quanto è importante ricordare le vittime e quanto ricordare i soccorritori?

Ritengo che sia importante ricordare gli avvenimenti e la genesi di questi avvenimenti, prima ancora delle singole persone. Ha infatti un grande valore ricordare coloro che possono rappresentare qualche cosa per ciò che hanno espresso in vita e per i valori di cui sono portatori, però ritengo che non sia un discorso di singoli. Per quanto riguarda invece il ricordo dei salvatori, effettivamente è un discorso di singoli individui, è l’affermazione di un principio attraverso le azioni e i gesti di alcune persone.

Queste persone, questi Giusti, cosa hanno insegnato e cosa insegnano con le loro esperienze?

Il valore più alto è quello che nella definizione generale si attribuisce al termine di Giusto, ovvero l’aver contribuito a dare una sponda di salvezza mettendo anche a rischio la propria vita, in difesa di principi e di valori universali.

In che modo la cultura ebraica trasmette questo messaggio ai più giovani?

Gli avvenimenti legati alla Shoah hanno connotato fortemente concetto di Giusti e la sua rappresentazione attuale. Ciò che i Giusti di Yad Vashem rappresentano ha valore universale: dai tragici eventi della Shoah deve scaturire l'affermazione e la difesa dei valori di convivenza e di non sopraffazione per tutti i popoli della terra.

Il valore dei Giusti della Shoah è quindi un valore universale, valido per l’umanità intera?

Assolutamente sì, essendo la Shoah per la sua unicità e specificità l’evento più tragico del secolo scorso, è chiaro che Giusto riconosciuto in quel contesto diventa esempio per tutte le altre manifestazioni di sopraffazione che si sono succedute negli anni.

Cosa si può fare per rendere concreto il “mai più” che si ripete sempre in riferimento alla Shoah e ai genocidi? In questo senso è utile il ricordo dell’esempio dei Giusti?

Il “fare” per me ha una risposta prevalente, che non è l’unica ma è sicuramente fondamentale: l’educazione. Significa cioè insegnare ai giovani i principi della convivenza e della non violenza nei confronti dell’altro e del diverso. Questo è il primo valore che noi dobbiamo trasmettere. In questo percorso, gli esempi sono sempre utili, e le esperienze dei Giusti sono sicuramente molto particolari e caratterizzate da comportamenti virtuosi.

Nell’ottica della diffusione di questi valori, cosa pensa di una giornata per onorare i soccorritori?

È sicuramente un’occasione importante, ma non deve restare un momento. Dico sempre, in riferimento alla Giornata della Memoria, che il suo valore non è il periodo di 24 ore che intercorrono dalla mezzanotte alla mezzanotte del 27 gennaio, ma è il fissare un punto di riferimento per l’inizio o il completamento di un percorso, sempre nell’ottica educativa e conoscitiva. Questa ricorrenza quindi deve stimolare ad approfondire e a comprendere i valori che vogliamo trasmettere.

a cura di Martina Landi, Redazione Gariwo

24 febbraio 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Giornata europea dei Giusti

Il valore dell’individuo e della responsabilità personale

Il 10 maggio il Parlamento di Strasburgo ha approvato la Dichiarazione scritta che istituisce il 6 marzo come Giornata europea in memoria dei Giusti.
Il concetto di Giusto, nato dall’elaborazione del memoriale di Yad Vashem per ricordare i non ebrei che sono andati in soccorso degli ebrei, diventa così patrimonio di tutta l’umanità.

Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

Il termine “Giusto” non è più circoscritto alla Shoah ma diventa un punto di riferimento per ricordare quanti in tutti i genocidi e totalitarismi si sono prodigati per difendere la dignità umana.

Il significato di questa decisione richiama uno degli elementi fondanti della cultura europea: il valore dell’individuo e della responsabilità personale.

leggi tutto

Scopri tra le interviste

Multimedia

Giornata europea dei Giusti 2016 - Ulianova Radice

Intervento al Giardino del Monte Stella