English version | Cerca nel sito:

Giusti

7 anni di carcere per due giornalisti in Myanmar

Due giovani giornalisti della Reuters sono stati condannati per possesso illegale di documenti di Stato, avevano investigato sull'omicidio di 10 musulmani Rohingya in Myanmar. Proprio qualche giorno fa, alcuni esperti dell'ONU rilasciavano un report che accusa i vertici dell’esercito birmano di "genocidio ai danni dei Rohingya e crimini contro l’umanità verso altre minoranze etniche".


Praga: una storia dimenticata

In questi giorni si ricorda il cinquantesimo anniversario dell’invasione della Cecoslovacchia da parte dei carri armati del Patto di Varsavia, e la conseguente fine della cosiddetta “Primavera di Praga”. Si ricorda, ma già si tende a dimenticare. Di Francesco Cataluccio


Le lettere dal carcere di Nelson Mandela

Il 18 luglio 1918 nasceva Nelson Mandela, leader della lotta contro l’apartheid. Nel centenario dalla sua nascita, è stata pubblicata una raccolta delle lettere che egli scrisse in carcere. Si tratta di 255 manoscritti in cui traspare un lato intimo e umano, tra la mancanza dei cari e la speranza in un futuro più giusto.


Milano Porto Aperto

Il 12 luglio 2018 al Teatro Guanella - Via Giovanni Duprè 19, Milano - l'organizzazione umanitaria Intersos inauguara la sua sede con l'evento "Milano Porto Aperto". Un dialogo tra migranti e istituzioni... dove gli sbarchi tornano ad essere un questione umanitaria. Anche Gariwo partecipa!


L'imam che in Nigeria ha salvato 262 cristiani

Un uomo vede fuggire centinaia di famiglie disperate, e decide di rischiare la vita per aiutarle. Accade in Nigeria, dove un imam ha salvato 262 cristiani durante le violenze nello Stato di Plateau tra la comunità di pastori seminomadi fulani e quella degli agricoltori berom.


Il cardinale che si battè come un leone contro lo sterminio dei disabili

Storia di Clemens August von Galen, il prelato tedesco che con la forza delle sue omelie costrinse Hitler a sospendere il programma Aktion t4, il piano nazista di "eutanasia sistematica" delle persone malate o invalide.


I "Giusti"

esempi di resistenza morale al male estremo

La storia del Novecento è drammaticamente segnata da crimini contro l'Umanità, come il genocidio del popolo armeno nel 1915-'16; la Shoah nel corso della Seconda Guerra Mondiale; i gulag nel periodo del comunismo; le tragedie del Rwanda e dei Balcani negli anni '90. In ognuna di queste situazioni estreme sono esistiti uomini che hanno trovato la forza di opporsi al Male seguendo il principio della responsabilità personale.
Se non si può rintracciare con parametri rigidi la figura del "Giusto", se ne possono cogliere alcune caratteristiche comuni, presenti in tutte le esperienze genocidarie. Ciò che conta è la capacità di ascoltare la propria coscienza, di difendere il principio di umanità al di là dei condizionamenti ideologici, religiosi, politici, o etnici, sociali e culturali. Il paradigma è la preziosa esperienza della Commissione dei Giusti di Yad Vashem, allargata e approfondita nel segno di una riflessione universale sull'uomo.

Biografie dei Giusti

Né santi, né eroi

elogio delle virtù quotidiane

 

Il libro

Sull'acqua

Michele Serra

La storia

​Felicia Bartolotta Impastato

la madre di Peppino Impastato