Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Ambiente e cambiamenti climatici

Julián Carrillo. defender ucciso in Messico

Negli ultimi due anni l'attivista aveva già subito minacce di morte e due suoi familiari erano stati assassinati per farlo desistere dalla sua lotta contro lo sfruttamento minerario della regione di Coloradas de la Virgen, avviato senza il consenso della comunità locale. Solo un killer è stato identificato, nessun arresto è stato compiuto finora.


Comprendere i cambiamenti climatici

Cosa sono i cambiamenti climatici? E quali strategie adottare per contrastarli? Lo abbiamo chiesto a Filippo Giorgi, responsabile della sezione di Fisica della Terra dell’International Centre for Theoretical Physics (ICTP) di Trieste e autore di un libro, L’uomo e la farfalla (FrancoAngeli Editore), in cui sono affrontati diversi aspetti legati ai cambiamenti climatici: cause, rischi, scenari, possibili soluzioni.


​Il riscaldamento dell’Artico potrebbe portare a un rapido scioglimento della Regione

"L'Artico è stato più caldo negli ultimi cinque anni che in qualsiasi altro periodo da quando sono iniziate le registrazioni nel 1900". Proponiamo di seguito la traduzione dell'approfondimento sul cambiamento climatico dell'Artico di John Schwartz e Henry Fountain, pubblicato sul New York Times l'11 dicembre 2018. 


Sul Riscaldamento Globale

Anne de Carbuccia è un'artista ambientale franco-americana. Ha viaggiato in tutto il mondo per diversi anni documentando l'evoluzione del pianeta e l'impatto dell'intervento umano sull'ambiente. Per la 75esima Mostra Internazionale d'arte cinematografica di Venezia, ha presentato il documentario One Ocean, che la vede protagonista, sulla necessità di proteggere l'oceano. Di seguito pubblichiamo alcune sue riflessioni sul Riscaldamento Globale e sul suo legame con i diritti umani.


Ogni giorno beviamo acqua, ogni giorno moriamo un po' di più

Il Guardian, in collaborazione con Global Witness, ha pubblicato i nomi, i volti e le storie dei defenders: uomini e donne di tutto il mondo morti per difendere i diritti umani e l’ambiente. Quest’anno, il fotografo Thom Pierce è stato incaricato di ritrarne alcuni, tra cui Maria do Socorro Silva, brasiliana che combatte contro l’inquinamento delle acque della foresta Amazzonica.


I rifugiati climatici non esistono

A causa del clima che sta cambiando, famiglie e comunità intere sono costrette a lasciare le loro case in cerca di un nuovo inizio. Sono, infatti, circa 258 milioni i migranti per ragioni ambientali. Purtroppo, però, in termini legali i “rifugiati climatici” non esistono.


Ambiente e cambiamenti climatici

difendere la Terra, difendere i diritti umani

Chi sono questi defenders? Si tratta di persone che, con un’azione pacifica, sono in prima linea nella protezione dell’ecosistema. Persone comuni, che probabilmente non si riferirebbero mai a loro stesse con l’appellativo di “difensori”. Tra loro troviamo indigeni che vivono tra le montagne o le foreste e vogliono proteggere le terre dei loro antenati e le loro tradizioni da multinazionali o catene di hotel di lusso, o ranger che cercano di contrastare il bracconaggio, o ancora avvocati, giornalisti o membri di Ong che denunciano abusi e illegalità.
Il 60% dei crimini ai loro danni avviene in America Latina, in particolare in Brasile, Colombia, Honduras e Perù. L’industria estrattiva è la maggiore causa delle proteste, e di conseguenza delle morti, anche in India e Turchia. In Messico e nelle Filippine gli ambientalisti vengono uccisi principalmente per mano di gang criminali, mentre in Africa la più grande minaccia alla loro vita arriva dal bracconaggio.

leggi tutto

La storia

Aura Lolita Chavez

attivista per i diritti umani in Guatemala