Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

​Il riscaldamento dell’Artico potrebbe portare a un rapido scioglimento della Regione

riflessioni sul clima

Mare ghiacciato lungo la costa della Groenlandia.

Mare ghiacciato lungo la costa della Groenlandia. Joe MacGregor/NASA IceBridge

Proponiamo di seguito la traduzione dell'approfondimento sul cambiamento climatico dell'Artico di John Schwartz e Henry Fountain, pubblicato sul New York Times l'11 dicembre 2018. 

Il persistente riscaldamento dell'Artico sta spingendo la regione verso un "territorio inesplorato" e sta interessando sempre più gli Stati Uniti continentali, hanno riferito gli scienziati martedì. "Stiamo assistendo a un continuo aumento di calore che si diffonde attraverso l'intero sistema artico", ha affermato Emily Osborne, funzionario dell'Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica, che ha presentato la valutazione annuale dell'agenzia sullo stato della Regione, l’Arctic Report Card. L'Artico è stato più caldo negli ultimi cinque anni che in qualsiasi altro periodo da quando sono iniziate le registrazioni nel 1900, ha rivelato il Rapporto, e la regione si sta riscaldando il doppio rispetto al tasso del resto del pianeta.

Il dott. Osborne, redattore capo del Rapporto e responsabile del programma di ricerca artica del NOAA, ha affermato che l'Artico sta attraversando il suo “più grande cambiamento nella storia dell’umanità". Nel 2018, "il riscaldamento delle temperature dell'aria e degli oceani ha guidato la regione polare verso un ampio cambiamento a lungo termine, spingendo l'Artico in un territorio sconosciuto", ha dichiarato in una riunione dell'American Geophysical Union a Washington. Le temperature dell'aria in aumento stanno avendo profondi effetti sul ghiaccio marino e sulla vita sulla terra e nell’oceano, sostengono gli scienziati. Gli impatti possono essere avvertiti ben oltre la regione, soprattutto perché il cambiamento del clima artico può influenzare eventi meteorologici estremi in tutto il mondo. La nuova edizione del Rapporto non presenta una rottura radicale rispetto alle precedenti, ma mostra che le tendenze problematiche causate dai cambiamenti climatici si stanno intensificando. Le temperature dell'aria nell’Artico nel 2018, saranno le seconde più calde mai registrate, dice il rapporto, seconde solo a quelle del 2016.

Susan M. Natali, una scienziata artica del Woods Hole Research Center del Massachusetts che non è stata coinvolta nella ricerca, ha detto che il Rapporto rappresenta l’ennesimo avvertimento inascoltato. "Ogni volta che leggo un rapporto, la situazione peggiora, eppure non stiamo ancora facendo nulla”, ha dichiarato. “Tutto ciò è reso ancora più evidente dal fatto che questi cambiamenti stanno accadendo, sono osservabili.” L'aria artica più calda fa sì che la corrente a getto (flusso d’aria veloce) diventi "lenta e insolitamente ondulata", hanno detto i ricercatori. Questo aspetto ha dei possibili collegamenti con gli eventi meteorologici estremi che si stanno verificando in altre parti del mondo, tra cui le forti tempeste dello scorso inverno negli Stati Uniti e il periodo freddo in Europa, noto come “Bestia dell’Est”. La corrente a getto agisce normalmente come una sorta di barriera atmosferica circolare che trattiene l'aria fredda vicino al polo; una corrente a getto più debole e variabile può consentire alle correnti artiche di viaggiare verso sud in inverno e, tra l'altro, può bloccare il sistema meteorologico estivo. "Sulla costa orientale degli Stati Uniti, dove l'altra parte della corrente scende", ha detto il dottor Osborne, “si registrano temperature aeree artiche nelle zone a latitudini più basse, causando forti tempeste invernali”. Il rapido riscaldamento dell'Alto nord, noto come “amplificazione artica”, è legato a molti fattori, incluso il fatto che la neve e il ghiaccio riflettono molta luce solare, mentre l'acqua aperta, che è più scura, assorbe più calore. Quando il ghiaccio marino si scioglie, meno ghiaccio e più acqua aperta creano un ulteriore ciclo continuo di scioglimento dei ghiacci. E mentre il ghiaccio Artico diminuisce sempre più, si verificano una serie di implicazioni di tipo commerciale e geopolitico: nuove rotte di navigazione potrebbero aprirsi e le rivalità con altri Paesi, compresa la Russia, si stanno intensificando.

Il Governo federale emette il Report dal 2006. Ha continuato a farlo sotto l'amministrazione Trump, che ha approvato altri rapporti scientifici sul riscaldamento globale e le emissioni umane di gas serra che lo causano, nonostante la sua contrarietà alla scienza del clima. Soprattutto, "gli effetti del costante riscaldamento artico continuano ad aumentare", afferma il nuovo Rapporto. "Il continuo riscaldamento dell'atmosfera artica e dell'oceano sta portando ampi cambiamenti nel sistema ambientale, in modi sia previsti che inaspettati".

Alcuni dei risultati della ricerca, forniti da 81 scienziati in 12 Paesi, includevano:

  • L'estensione massima invernale del ghiaccio marino nella regione, nel marzo di quest'anno, è stata la seconda più bassa in 39 anni di tenuta dei registri.
  • Il ghiaccio persistente, che forma gli strati più spessi, sta scomparendo dall'Artico. Questo è rilevante perché il ghiaccio antico tende a resistere allo scioglimento; senza di esso, lo scioglimento accelera. Il ghiaccio antico ha costituito meno dell'1% del ghiaccio artico quest'anno, un calo del 95% negli ultimi 33 anni.
  • Donald K. Perovich, un esperto di ghiaccio marino del Dartmouth College, che ha contribuito al Rapporto, ha detto che l’avvenimento storico di quest’anno, in tema di ghiacci, si è verificato nel Mare di Bering, al largo dell'Alaska, dove l'estensione del ghiaccio marino ha raggiunto il minimo storico durante praticamente tutto l'inverno. A febbraio, periodo in cui di solito il ghiaccio marino cresce, per due settimane il Mare di Bering ha perso un'area ghiacciata delle dimensioni dell'Idaho, ha osservato il dottor Perovich.
  • La mancanza di ghiaccio e l'ondata di calore coincidono con la rapida espansione delle alghe nell'Oceano Artico, con una proliferazione dannosa che può avvelenare la vita marina, oltre che le persone che mangiano i frutti di mare contaminati. Lo spostamento verso nord delle alghe "indica che l'Artico è ora vulnerabile all’introduzione di queste specie in ecosistemi che hanno poche o nessuna precedenti esposizioni al fenomeno", afferma il rapporto.
  • Le mandrie di renne e caribù sono diminuite del 56% negli ultimi due decenni, scendendo a 2,1 milioni da 4,7 milioni. Gli scienziati, che monitorano 22 delle mandrie, hanno osservato che due sono ai massimi livelli di popolamento, ma cinque hanno subito diminuzioni di oltre il 90% "e non mostrano alcun segno di ripresa”.
  • Frammenti di plastica oceanica, che possono essere ingeriti dagli organismi marini, proliferano nella parte superiore del pianeta. "Le concentrazioni nell’oceano artico più remoto sono più alte che in tutti gli altri bacini oceanici del mondo", afferma il Rapporto. Le microplastiche sono presenti anche nel ghiaccio artico del mare. Gli scienziati hanno trovato campioni di acetato di cellulosa, utilizzati per produrre filtri per sigarette e particelle di plastica utilizzate nei tappi di bottiglia e nel materiale di imballaggio.

“Il Report è un'altra prova del rapido disfacimento dell'Artico", ha dichiarato Rafe Pomerance, presidente di Arctic 21, una rete di organizzazioni focalizzata sull'educazione di responsabili politici e altri soggetti sul cambiamento climatico dell'Artico. "I segnali di declino sono così forti e le conseguenze così grandi, che richiedono, da parte di tutti i governi, molta più urgenza nella riduzione delle emissioni”. Il Rapporto è stato emesso, mentre i delegati di quasi 200 Paesi si sono incontrati in Polonia per l'ultimo round di discussioni sul clima scaturito dall'Accordo di Parigi, il famoso accordo per ridurre le emissioni che provocano il riscaldamento dei pianeti. Il signor Trump ha dichiarato la sua uscita dall'accordo. Durante l’incontro, gli USA si sono uniti all'Arabia Saudita, al Kuwait e alla Russia nel rifiutarsi di approvare un importante rapporto sugli effetti del cambiamento climatico in tutto il mondo. In una conferenza stampa che annunciava i risultati del rapporto sull'Artico, a Tim Gallaudet, un ammiraglio della Marina in pensione, amministratore del NOAA, è stato chiesto se lui o altri alti funzionari della NOAA avessero mai informato il presidente Trump sul cambiamento climatico o sui cambiamenti dell’Artico. "La risposta più semplice è no", ha detto.

13 dicembre 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Ambiente e cambiamenti climatici

difendere la Terra, difendere i diritti umani

Chi sono questi defenders? Si tratta di persone che, con un’azione pacifica, sono in prima linea nella protezione dell’ecosistema. Persone comuni, che probabilmente non si riferirebbero mai a loro stesse con l’appellativo di “difensori”. Tra loro troviamo indigeni che vivono tra le montagne o le foreste e vogliono proteggere le terre dei loro antenati e le loro tradizioni da multinazionali o catene di hotel di lusso, o ranger che cercano di contrastare il bracconaggio, o ancora avvocati, giornalisti o membri di Ong che denunciano abusi e illegalità.
Il 60% dei crimini ai loro danni avviene in America Latina, in particolare in Brasile, Colombia, Honduras e Perù. L’industria estrattiva è la maggiore causa delle proteste, e di conseguenza delle morti, anche in India e Turchia. In Messico e nelle Filippine gli ambientalisti vengono uccisi principalmente per mano di gang criminali, mentre in Africa la più grande minaccia alla loro vita arriva dal bracconaggio.

leggi tutto

La storia

Francia Márquez

attivista ambientale e leader delle comunità afro-colombiane