Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Sul Riscaldamento Globale

alcuni spunti di Anne de Carbuccia

Anne de Carbuccia è un'artista ambientale franco-americana. Ha viaggiato in tutto il mondo per diversi anni documentando l'evoluzione del pianeta e l'impatto dell'intervento umano sull'ambiente. Per la 75esima Mostra Internazionale d'arte cinematografica di Venezia, ha presentato il documentario One Oceanche la vede protagonista, sulla necessità di proteggere l'oceano. Di seguito pubblichiamo alcune sue riflessioni sul Riscaldamento Globale e sul suo legame con i diritti umani. 

Riscaldamento Globale: una realtà scientifica, una catastrofe che incombe sul pianeta

Sebbene la nostra società appaia ancora divisa tra credenti e non credenti, il Riscaldamento Globale è una realtà scientifica studiata e documentata dalla stragrande maggioranza degli scienziati nel mondo (si può fare riferimento a qualsiasi istituzione principale: ONU, NASA, US Navy, Harvard, MIT, ..).

Il Riscaldamento Globale è definito come l'aumento della temperatura del pianeta rispetto all’era preindustriale ed è causato da quantità crescenti di anidride carbonica (CO2) e altri gas serra intrappolati nell'atmosfera che assorbono calore dalle radiazioni solari.
Le attività umane, come l'uso di combustibili fossili, la deforestazione o l'allevamento di bestiame sono le principali fonti di emissione di gas a effetto serra.

Questo è il motivo per cui gli scienziati definiscono la nostra era come l'Antropocene, una nuova era geologica in cui gli uomini stanno influenzando il nostro pianeta ed il suo clima in modi e con conseguenze che stiamo solo ora iniziando a comprendere.

I pericoli del riscaldamento globale sono documentati scientificamente. L'ultimo rapporto sul clima delle Nazioni Unite (IPCC) afferma che le emissioni sono ancora in aumento e che se la temperatura aumenterà di oltre 1,5 gradi centigradi rispetto al livello preindustriale (siamo a circa 1,0) il riscaldamento globale avrà conseguenze sociali ed economiche peggiori delle guerre più terribili e causerà al mondo naturale come lo conosciamo ora danni irreparabili.

Di seguito una breve lista:

A. gravi carestie diventerebbero la norma probabilmente entro i prossimi 12 anni,
B. gli eventi meteorologici definiti estremi si moltiplicheranno,
C. ecosistemi unici spariranno e le specie si estingueranno a migliaia;
D. quasi tutte le barriere coralline saranno morte entro il 2050, riducendo drasticamente il prodotto della pesca marittima;

E. senza drastiche riduzioni delle emissioni entro il 2080, il calore estremo renderà invivibili intere regioni: Europa meridionale, Iraq e Siria e gran parte del resto del Medio Oriente; alcune delle zone più densamente popolate dell'Australia, dell'Africa e del Sud America; e le regioni “granaio” della Cina saranno in costante siccità estrema. Potrebbe rappresentare la fine del cibo per la stragrande maggioranza della nostra specie.

F. la probabilità di un'estate artica senza ghiaccio aumenterà da una volta al secolo a una volta ogni dieci anni.
G. si potrebbero liberare, attraverso il permafrost, 1,8 trilioni di tonnellate di carbonio, più del doppio della quantità attualmente sospesa nell'atmosfera.

H. secondo l’OMS, oggi l'inquinamento atmosferico uccide 600.000 bambini globalmente; entro il 2090, ben 2 miliardi di persone in tutto il mondo respireranno aria al di sopra del livello "sicuro" dell'OMS (ref NCAR), con conseguenze drastiche sulla salute, dall'asma al cancro, all'autismo e al declino cognitivo umano. Nel complesso, i conflitti sociali durante questo secolo potrebbero più che raddoppiare.

La portata di questa devastazione economica è difficile da comprendere, ma si può iniziare immaginando come sarebbe oggi il mondo con un'economia che producesse solo la metà del valore, e solo la metà di quanto viene offerto oggi ai lavoratori del mondo.
Dieci milioni di persone in più sarebbero esposte a inondazioni permanenti e altre centinaia di milioni a "rischi legati al clima e vulnerabili alla povertà". La malaria e la febbre dengue saranno più diffuse. Secondo le Nazioni Unite, ci saranno varie centinaia di milioni di rifugiati climatici entro il 2050.

Ancora una volta, lasciatemelo ripetere: il riscaldamento globale è una realtà scientifica documentata dalla stragrande maggioranza degli scienziati nel mondo. Il tempo dei credenti e dei non credenti è passato; basta leggere ciò che le principali istituzioni hanno da dire in merito

Che cosa possiamo fare? Come cittadini, individualmente?

Questi rapporti sono scoraggianti in tutti i sensi del termine. E sì, probabilmente è peggio di quanto si pensi. Ma possiamo ancora scegliere il modo in cui reagire: possiamo lasciarci paralizzare o lasciarci potenziare. Nell'era dell’Antropocene siamo diventati una forza geologica, noi come specie stiamo effettivamente influenzando il modo in cui il pianeta apparirà tra 15 anni. Perché non diventare una forza geologica positiva, una forza per il bene?

Possiamo iniziare superando la disconnessione tra scienziati e resto del mondo, per accelerare il cambiamento sistemico.

Nei primi anni '90, i governi si avvicinarono a un accordo globale per congelare le emissioni di carbonio, ma alla fine fallirono. Da allora il riscaldamento globale si è lentamente allontanato dall'arena politica e solo nel 2016 l'accordo di Parigi ha cercato di risollecitare i politici ad agire. Eppure questa disconnessione è ancora presente: o tutti gli scienziati hanno torto o il mondo oggi non riesce ad agire con la velocità necessaria.

Come cittadini, possiamo sensibilizzare le persone sul problema e, in quanto consumatori, possiamo cambiare i nostri comportamenti per influenzare la politica e le società. Possiamo mobilitarci per condividere la conoscenza. La globalizzazione consente la circolazione e la condivisione di conoscenze tra miliardi di persone. Scambio di dati, ricerca e conoscenza potrebbero accelerare la scoperta di idee, soluzioni e risultati.

Abbiamo un disperato bisogno di cambiamenti sistemici ad ogni livello, ma il cambiamento sistemico può anche iniziare con cambiamenti individuali.
Ci sono molti modi in cui possiamo aiutare: scegliendo le energie rinnovabili come le auto elettriche quando possibile, usando la bicicletta più spesso, dimezzando il consumo di carne, eliminando l’utilizzo di plastica monouso (bottiglie, cannucce, sacchetti), sostenendo le persone, le imprese e le organizzazioni che adottano uno stile di vita sostenibile. Facendo sentire le nostre opinioni sull'ambiente nella nostra comunità. Possiamo tutti catalizzare il cambiamento di cui il nostro mondo ha così disperatamente bisogno nella nostra vita quotidiana.

Sì, certo, dobbiamo accettare che l'essere parte di un cambiamento sistemico ha un costo di tempo, energia e denaro. Viene con un forte senso di responsabilità individuale. Dove i governi stanno fallendo, le città e le comunità possono prenderne il posto. È qui che oggi risiede il nostro potere per il cambiamento: in noi stessi e nelle nostre comunità.

Se tutti si svegliassero una mattina e smettessero di usare bottiglie d'acqua in plastica (usiamo oltre 1 milione di bottiglie d'acqua al minuto e il 91% non viene riciclato e alla fine finisce negli oceani), potremmo cambiare il destino dei nostri oceani nel corso di una notte. In una notte.

Riscaldamento Globale e Diritti Umani

Forse la conseguenza più terribile del riscaldamento globale è la perdita dei diritti umani fondamentali per decine di milioni di persone. La siccità e la desertificazione stanno sempre più portando gli agricoltori e le loro famiglie a diventare rifugiati climatici, che secondo le stime delle Nazioni Unite costituiranno la stragrande maggioranza dei rifugiati (oltre 100 milioni) entro il 2050.

Un rifugiato non è solo una persona che va da un posto all'altro. Dal momento in cui lascia la sua casa il rifugiato perde il sostegno della comunità, la protezione della polizia, ecc. Viene spesso privato di ogni diritto umano fondamentale, come dimostrato dal modo in cui oggi donne e bambini sono trattati in molti campi profughi. Il Riscaldamento Globale è quindi già causa di disintegrazione di comunità e società.

I poveri e i deboli saranno le prime vittime del Riscaldamento Globale. Un flusso di migranti sempre in aumento affronterà e metterà a dura prova l’atteggiamento anti-immigranti del mondo ricco.

La siccità continuerà ad aumentare nei prossimi dieci anni. Città del Capo o Roma possono rimanere senza acqua, ma i paesi ricchi hanno i mezzi per mitigare il problema. Per le popolazioni che vivono in Africa o in Medio Oriente, l'unica opzione quando saranno a corto di acqua sarà quella di emigrare e decine di milioni si sposteranno a nord verso l'Europa.

Riscaldamento Globale e Gariwo

Gariwo, attraverso i suoi Giardini e le sue attività, sta documentando, onorando e dando voce ai Giusti di tutto il pianeta che hanno avuto un impatto sociale, politico e morale.

Il Riscaldamento Globale, come abbiamo visto, creerà drastiche conseguenze sociali ed economiche ed in particolare creerà decine di milioni di rifugiati climatici con terribili implicazioni per i diritti umani in tutto il pianeta. Oserei dire che potrebbe portare ad una revisione delle nostre nozioni e dei nostri valori sui diritti umani.

Oltre ai rifugiati climatici, molti attivisti ambientalisti vengono uccisi: ufficialmente 197 nel 2017. Questo dato non include il massacro delle tribù indigene in Amazzonia, che sono state espulse dalla loro terra ancestrale. Ciò mostra come le nostre risorse naturali sono diventate un bene prezioso e quanto sia importante sostenere le persone che proteggono il nostro pianeta in prima linea.

Onorando gli attivisti ambientalisti, Gariwo sarà ufficialmente una voce di cui il nostro pianeta ha così disperatamente bisogno. Il riscaldamento globale metterà alla prova la resilienza dell'umanità. Istituzioni come Gariwo, che onorano la resilienza umana e l’hanno spesso scoperta e portata alla luce del sole, possono giocare un ruolo molto significativo nell'accelerare il riconoscimento pubblico della sfida che ci attende.

Anne de Carbuccia, artista ambientale

20 novembre 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Ambiente e cambiamenti climatici

difendere la Terra, difendere i diritti umani

Chi sono questi defenders? Si tratta di persone che, con un’azione pacifica, sono in prima linea nella protezione dell’ecosistema. Persone comuni, che probabilmente non si riferirebbero mai a loro stesse con l’appellativo di “difensori”. Tra loro troviamo indigeni che vivono tra le montagne o le foreste e vogliono proteggere le terre dei loro antenati e le loro tradizioni da multinazionali o catene di hotel di lusso, o ranger che cercano di contrastare il bracconaggio, o ancora avvocati, giornalisti o membri di Ong che denunciano abusi e illegalità.
Il 60% dei crimini ai loro danni avviene in America Latina, in particolare in Brasile, Colombia, Honduras e Perù. L’industria estrattiva è la maggiore causa delle proteste, e di conseguenza delle morti, anche in India e Turchia. In Messico e nelle Filippine gli ambientalisti vengono uccisi principalmente per mano di gang criminali, mentre in Africa la più grande minaccia alla loro vita arriva dal bracconaggio.

leggi tutto

La storia

Aura Lolita Chavez

attivista per i diritti umani in Guatemala