Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Ahmad Batebi 1977

studente perseguitato dal regime degli ayatollah

Nasce nel 1977 a Shiraz e nel 1997, studente universitario a Teheran, partecipa alle prime manifestazioni di massa che si tengono in Iran dopo la rivoluzione komeinista del 1979. Un suo amico viene ferito dalla polizia e Ahmad, indignato, solleva in corteo la sua maglietta insanguinata. La foto del suo gesto fa il giro del mondo e le autorità iraniane lo arrestano con l'accusa di aver offeso l'Iran e quindi l'Islam, dunque Dio. 

Gli viene chiesto di dichiarare in TV di aver accettato denaro dagli Stati Uniti e da Israele per mostrare la maglietta, ma Batebi rifiuta e viene rinchiuso nella famigerata prigione di Evin, dove è sottoposto a torture fisiche e psicologiche di ogni tipo. Ha salva la vita solo grazie alla pressione delle organizzazioni internazionali per i diritti dell'uomo, ma le torture gli causano comuque un calo permanente dell'udito, finché nel 2008, colpito da ictus, viene temporaneamente rilasciato in seguito alle proteste della comunità internazionale. Ne approfitta per fuggire attraverso il Kurdistan iracheno, braccato dalla polizia segreta iraniana. In Iraq riesce a mettersi in contatto con l'ambasciata statunitense, che lo imbarca su un aereo per Vienna e da lì per gli Stati Uniti, dove si stabilisce definitivamente.

Divenuto un simbolo della lotta contro il regime iraniano, Batebi continua a battersi per la democrazia nel suo Paese. In occasione degli scontri del 2009 denuncia gli arresti arbitrari, le torture e le uccisioni illegali.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.