Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Costantino Baratta

Il pescatore di Lampedusa che ha salvato i migranti il 3 ottobre 2013

Costantino Baratta, lampedusano, muratore e pescatore diportista.

Come molti altri isolani, si trova a dover convivere con la tragedia dei profughi, che sbarcano lungo le coste in condizioni inumane o, nella peggiore delle ipotesi, non vi arrivano vivi; non ha mancato di dimostrare più volte la propria accoglienza e umanità verso i disperati del nostro mare.

Durante la strage del 3 ottobre 2013 (nella quale persero la vita 368 persone) Costantino, che per caso era in mare, uscito con la sua barca la mattina presto per pescare, si è trovato di fronte a un numero incredibile di persone in acqua. Senza un attimo di esitazione, si prodiga insieme ai suoi compagni per caricare a bordo il maggior numero possibile di naufraghi, salvandoli così da morte certa.

“Alcuni reagivano, tossivano l’acqua mista a carburante che avevano ingerito, altri sembravano morti ma noi li abbiamo issati a bordo ugualmente sperando che si potessero salvare”.

Ne ripesca 12, tutti ragazzi eritrei coi corpi nudi e coperti di nafta, li conduce sulla terra ferma, li accoglie a casa propria e li aiuta anche nei giorni successivi.

Baratta è rimasto in contatto con tutti loro, i quali, in fuga da un Paese dominato da un regime autoritario, quando possono, tornano ancora a trovarlo per ringraziarlo di averli strappati a un destino terribile.

Sia prima che dopo questa data indelebile Costantino si è impegnato nell’aiuto dei migranti, diventando una delle figure più rappresentative di soccorso in questa emergenza umanitaria.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.