Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

​Efi Latsoudi 1968

Coordinatrice del Pikpa Solidarity Camp e premio Nansen per l'assistenza fornita ai migranti dell'Isola di Lesbo.

Efi Latsoudi, psicologa nata in Grecia nel 1968, è la coordinatrice del Pikpa Solidarity Camp, il campo di accoglienza più virtuoso dell’Isola di Lesbo e forse, senza esagerazione, dell’intera Unione Europea - come racconta Daniele Biella nel suo libro "L'Isola dei Giusti: Lesbo, crocevia dell'umanità".

Efi ha rappresentato, nell’ultimo decennio, una risorsa fondamentale per l’aiuto e l’accoglienza ai profughi in fuga dal proprio Paese (dall’Africa e dal Medio Oriente) e diretti in Grecia. Si è preoccupata di fornire ai migranti una prima sistemazione, ogni aiuto necessario e, in molti casi purtroppo, almeno un funerale degno, cercando di dare loro un’identità e poter così avvisare i familiari. Un’attività molto dura e psicologicamente devastante a cui non si è mai sottratta, nonostante il tempo tolto al suo ruolo di madre, che l’ha fatta molto soffrire e a cui ha posto rimedio coinvolgendo il figlio nelle proprie motivazioni.

Per Efi, il 18 aprile 2015, giorno nel quale annegarono nei pressi dell’isola 70 persone, è stato sicuramente il più atroce e quello che più ha segnato la sua esperienza umanitaria - come lei stessa ricorda.

Nel 2016 è stata riconosciuta dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, con il Premio Nansen, la persona più importante del mondo a livello umanitario.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.