Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Fatima Mernissi 1940

Scrittrice, docente di sociologia all’Università Mohammed V di Rabat, Marocco

Nata a Fez, in Marocco, nel 1940, è considerata in tutto il mondo fra le più autorevoli e originali intellettuali dei paesi arabi, grazie al suo innovativo lavoro di sociologa e studiosa dell’Islam. Ha completato la sua formazione accademica studiando alla Sorbona e alla Brandeis University negli USA e oggi insegna sociologia all’Università Mohammed V di Rabat, in Marocco. Nota in Italia per i suoi romanzi e in particolare per La terrazza proibita, si è sempre distinta per le coraggiose prese di posizione a favore della libertà femminile, che giudica perfettamente compatibile con i precetti del Corano.

I suoi libri sono letti in tutto il mondo e tradotti in più di venti lingue. Dal 1997 sostiene il programma “Sinergie Civique” e dal 2000 anima gli incontri che vanno sotto il nome di “Caravane Civique”, giunti alla sesta edizione. Il progetto consiste nell’organizzare workshop in alcune delle realtà periferiche del paese, coinvolgendo professionisti della comunicazione che si prestino ad entrare in contatto con gli aderenti alle molte, minuscole e spesso finanziariamente inesistenti, organizzazioni non governative (ong) marocchine. 

Bibliografia sintetica

  • Le donne del profeta, ECIG, 1992
  • Le sultane dimenticate, Marietti, 1992
  • Chahrazad non è marocchina, Sonda, 1993
  • La terrazza proibita, Giunti, 1996
  • L’harem e l’Occidente, Giunti, 2000
  • Islam e democrazia, Giunti, 2002
  • Karawan. Dal deserto al web, Giunti, 2004
  • La terrazza proibita. Vita nell'harem, Giunti, 2005

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.