English version | Cerca nel sito:

Gorka Landaburu 1951

il giornalista spagnolo bersaglio dell'Eta

Gorka Landaburu Illarramendi è un giornalista spagnolo nato a Parigi nel 1951. Il padre Francisco Javier de Landaburu Fernandez, leader del Partito Nazionalista Basco, si era rifugiato in esilio nella capitale francese durante il franchismo. Il fratello Ander , anch’egli giornalista, è direttore della versione basca del quotidiano El Pais. Iscritto dal 1993 al Partito Socialista Spagnolo (PSE), Gorka dirige il settimanale Cambio 16 e la rivista Aldaketa Hamasei: nel suo lavoro prende fermamente posizione contro il nazionalismo violento e il terrorismo nel territorio basco, diventando un bersaglio dichiarato dell’Eta.

Il 15 maggio 2001 rimane vittima di un attentato dinamitardo che gli procura gravi ferite al volto e all'addome, l’amputazione di un dito della mano destra e di tre della sinistra. Anticonformista e “scomodo” anche per le forze pacifiste, diviene presidente del Gruppo Basco delle Vittime del Terrorismo e nel 2006 firma il manifesto “Sì en nuestro nombre, sì a que se busque la paz” [Sì in nostro nome, sì a che si cerchi la pace] che auspica il dialogo tra il governo spagnolo e l’organizzazione terrorista per chiudere il capitolo doloroso della violenza terroristica e aprire quello della riconciliazione.

Ha ricevuto diversi premi, come il Bravo, l’Olivo de Plata, il Micròfono de Plata, per l'intensa attività professionale e il suo impegno sociale.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.