Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Halima Bashir

medico in Darfur

Halima Bashir è una giovane del Darfur cresciuta in un tranquillo paesino rurale e trasferitasi in città per studiare medicina. Laureatasi a pieni voti, nel 2003 comincia a lavorare in un piccolo villaggio. Purtroppo da lì a poco inizia la guerra e tra i suoi pazienti ci sono bambini stuprati e torturati dalle milizie Janjaweed

Halima rilascia un'intervista in cui fa capire che la realtà è più complessa di come la descrivono le autorità sudanesi. Per questo viene imprigionata e le è intimato il silenzio. Una volta rilasciata, viene inviata a esercitare la professione in una clinica di un luogo sperduto, lontano dal clamore dei media. Tuttavia alcuni funzionari dell'Onu vengono a conoscenza dell'aggressione a una scuola, nelle vicinanze della clinica, in cui sono state stuprate tutte le bambine, e chiedono ad Halima, che ne ha medicate alcune, di testimoniare. Lei accetta e le conseguenze a cui va incontro sono terribili: viene sottoposta a una nuova detenzione in cui è stuprata dal branco, insultata e picchiata selvaggiamente. Quando viene rilasciata torna al villaggio natio, ma presto anch’esso viene attaccato e suo padre è ucciso. 

Solo a questo punto Halima decide di fuggire e riesce a espatriare in Inghilterra, dove chiede asilo come rifugiata. Al New York Times ha detto di non essersi pentita di avere denunciato i gravissimi soprusi commessi dalle autorità sudanesi verso i bambini del Darfur. Da poco ha anche presentato negli Stati Uniti il libro Tears of the Desert (Lacrime del deserto), scritto assieme al giornalista Damien Lewis. 

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.