English version | Cerca nel sito:

Khalida Toumi Messaoudi 1958

algerina, ministro della Comunicazione e della Cultura nel 2001

È il simbolo del movimento per i diritti e le pari opportunità delle donne nei Paesi islamici

È nata nel 1958. Di origine cabila, scrittrice ed ex insegnante di matematica, sceglie di dedicare la sua vita alla lotta per l’affermazione della parità tra i sessi, fondando nel 1985 l’“Associazione per l’uguaglianza tra l’uomo e la donna davanti alla legge”, a seguito dell’approvazione in Algeria del Codice della famiglia che reprime e schiaccia i diritti delle donne.

Nel marzo del 1993 è condannata a morte dal "Fronte Islamico di Salvezza" (F.I.S.), movimento fondamentalista algerino. Di conseguenza vive in clandestinità nel suo paese, rifiutando l’esilio per non abbandonare i suoi compatrioti. Il marzo 1993 è chiamato dagli algerini “Marzo nero” a causa dei numerosi crimini effettuati dai terroristi. 

Il 12 giugno 1993 una lettera del "Movimento per lo Stato Islamico" (MEI) firmata da Said Makhloufi ufficializza la sua condanna a morte. L’anno dopo durante una manifestazione pacifista Khalida viene ferita ad una gamba. L’attentato che provoca diversi morti e decine di feriti non ferma i manifestanti che continuano a marciare. Nonostante la condanna a morte continua a guidare numerosi cortei di donne che accusavano i politici di legarsi ai fondamentalisti.

Nel 1997 è eletta in Parlamento e in qualità di ministro partecipa alla commissione nazionale promossa dal Presidente Bouteflika per l’elaborazione di un nuovo Codice di famiglia.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.