English version | Cerca nel sito:

Liu Xia 1961

voce per i diritti umani in Cina, ha condiviso l'impegno per la democrazia di Liu Xiaobo

Poetessa, pittrice e fotografa, conosce Liu Xiaobo negli anni ottanta e si sposano mentre lui è detenuto in un campo di rieducazione nel periodo 1996-1999. Da quel momento, Liu Xia comincia il suo impegno per i diritti umani, dando voce costantemente ai valori e alle idee di Liu Xiaobo, premio Nobel per la Pace 2010 (non potè mai ritirare il Premio, simbolicamente consegnato a una sedia vuota) e anima di Carta 08, il manifesto per lo Stato di diritto nella Cina comunista. 

Nel 2010 Liu Xia, sostenitrice della battaglia per i diritti umani del marito imprigionato e ridotto al silenzio, è sottoposta agli arresti domiciliari in modo da evitare che diffonda la testimonianza di Liu Xiaobo. Le viene anche proibito di mantenersi economicamente, fatto che la indurrà in un grave stato di povertà.

Liu Xia decide, nonostante il grave prezzo personale che paga, di rendere noto, chiedendo una mobilitazione a livello internazionale, il clima di paura e mancanza di libertà e in cui lei e Liu Xiaobo sono costretti a vivere solo per aver testimoniato la verità. Non può comunicare con il marito, che muore il 13 luglio 2017 a causa di un tumore al fegato, scarcerato solo qualche settimana prima quando il cancro è in fase terminale. 

Nel 2018, dopo una serie di appelli di intellettuali e attivisti in suo sostegno, Liu Xia, fortemente debilitata dalla perdita del marito e dal suo stato di arresto durato 8 anni, può lasciare la Cina e si trasferisce in Germania per iniziare una nuova vita.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.