English version | Cerca nel sito:

Massoud Benhoud 1947

Il giornalista perseguitato per la sua voglia di verità

Nasce il 27 luglio 1947 a Teheran e inizia a lavorare come giornalista nel 1964. Durante la sua lunga carriera collabora con molti giornali, di cui una ventina fondati da lui nel tentativo di riuscire a lavorare nonostante i divieti del regime. Tra il 1971 e il 1979 è caporedattore di “Ayandegan”, il quotidiano più famoso e influente dell'Iran. Il giornale viene chiuso nell'anno della Rivoluzione per ordine dell'Ayatollah Khomeini e tutto il suo staff è arrestato. 

Per breve tempo Benhoud dà vita all'esperienza di “Tehran-e Mosavvar”, un giornale costretto a chiudere dopo soli trenta numeri, a causa della stretta del nuovo regime iraniano sulla libera informazione. Dal 1981 al 1985 conduce un'esistenza di basso profilo a Teheran, senza lavoro. Nel 1985 fonda “Adineh”, che presto diventa la più popolare rivista letteraria iraniana. 

Per 13 anni Benhoud firma articoli in favore della libertà di stampa e di espressione, lotta contro la censura e cerca di favorire la libera circolazione delle informazioni. Nel 1995 sopravvive miracolosamente a un attentato ordito dalla polizia segreta iraniana mentre si trova in Armenia per un'iniziativa del sindacato degli scrittori di quel Paese. “Adineh” viene chiusa e il suo direttore arrestato nel 1996. Benhoud continua a scrivere, pur censurato dal regime, e i suoi articoli sono accolti dal pubblico con molto interesse. 

Nel 1999 numerosi scrittori dissidenti vengono uccisi dalla polizia iraniana in quella che viene definita “catena di omicidi di Teheran” e Benhoud scopre di far parte della lista di autori che la polizia progetta di uccidere. Rischia inoltre una condanna per “insulto al Leader Supremo”, una delle accuse più gravi nell'ordinamento iraniano. Prende allora la via dell’esilio e continua la sua attività di giornalista scrivendo per “Rooz online”, un quotidiano pubblicato in Francia e redatto in inglese e persiano.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.