Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Padre Emanuel Natalino Vura

Il prete che salva dalla guerra i bambini-soldato

In Uganda, nella Diocesi di Arua, al confine tra Sudan e Congo, i bambini vengono rapiti e addestrati da guerriglieri all'uso delle armi per farne bambini soldato. Padre Emanuel Natalino Vura e il Vescovo Frederick Drandua hanno avviato un progetto per recuperare gli ex giovani combattenti coinvolgendoli con le loro famiglie nelle attività agricole per migliorarne livello di vita e riscattarli dalla fame e dai traumi causati dalla guerra. 

Nel 2002, alla ripresa degli scontri tra i ribelli dell'Esercito di Resistenza del Signore (Lra) e l'esercito governativo dell'Uganda, padre Natalino decide con coraggio di intraprendere una missione apparentemente impossibile: recuperare i bambini soldato andando a trattare personalmente con i guerriglieri. Rischiando la vita si inoltra nella foresta per raggiungere i campi dell'Lra, accompagnato dai guerriglieri, costretto a percorrere lunghi tratti strisciando sul terreno per non riconoscere il tragitto. Arrivato a destinazione non ha nulla con cui trattare il rilascio dei bambini tranne la forza delle sue parole. Con il tempo e la pazienza riesce ad avvicinale alcuni generali e a conquistare, volta per volta, il rilascio di decine e decine di ragazzini trasformati in soldati. In questo modo i bambini di Arua da 80 sono diventati 800, e grazie al progetto di padre Natalino si stanno creando un futuro.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.