English version | Cerca nel sito:

Yuri Bandachevsky 1957

scienziato anatomopatologo dissidente sovietico

Nasce il 9 gennaio 1957 nella regione di Grodno, in Bielorussia. Specializzatosi come anatomopatologo, nel 1991 diviene il più giovane professore dell’URSS e fino al 1999 dirige l’Istituto medico della città di Gomel. È stato il primo a istituire un centro di studio delle ricadute dell’incidente di Chernobyl. È stato arrestato con l’accusa di aver accettato mazzette dai genitori dei suoi studenti e rilasciato dopo sei anni di detenzione. In realtà, secondo Amnesty International e molti autorevoli esperti, si tratta di un caso di persecuzione dovuto alle denunce dello scienziato sul pericolo radioattivo per la popolazione di Gomel, che a suo parere non è stata ben protetta dalle autorità bielorusse. Al momento Bandachevsky si trova "relegato" in una "colonia di riabilitazione mediante il lavoro", misura che ricorda molto da vicino il “confino” a cui erano sottoposti i reduci dal GULag nel periodo sovietico. Ha il diritto di ricevere visite, ha ridipinto personalmente la sua casa in mezzo a una pineta e spera di poter presto restaurare un edificio in rovina per ricavarne un laboratorio in cui continuare a effettuare ricerche intorno all’effetto delle radiazioni sugli organi, soprattutto sul sistema cardiovascolare, e all’uso della pectina per curare le persone contaminate.

La sua odissea è raccontata nel libro Bugie nucleari, di Silvia Pochettino, Ed. Gruppo Abele, 2008

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.