English version | Cerca nel sito:

Yusra Mardini 1998

una giovane nuotatrice per i diritti dei rifugiati

Yusra Mardini

Yusra Mardini

Giovane nuotatrice siriana, con lo scoppio della guerra e dei bombardamenti è fuggita dal Paese insieme alla sorella Sarah - anch’essa nuotatrice.
Nell’agosto del 2015 il loro gommone, che dalla Turchia doveva arrivare in poco tempo all’isola di Lesbo, inizia a imbarcare acqua: il peso delle persone a bordo è troppo, l’imbarcazione è ferma nel mezzo del Mar Egeo. Nessuno sa nuotare, ma Yusra e la sorella Sarah si tuffano in mare per scaricare peso e iniziano a spingere la barca. Nuotano per tre ore e mezzo, di notte, per 5km di mare, e riescono a salvare tutti i naufraghi

Dopo aver ottenuto lo status di rifugiata, Yusra torna a nuotare, e alle Olimpiadi di Rio del 2016 è una dei 9 atleti che sfilano sotto la bandiera con i cinque cerchi, nella squadra dei rifugiati.

Nel settembre 2016, davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, invoca il diritto dei rifugiati ad avere accesso a una sistemazione sicura, all’istruzione, a mezzi di sussistenza e a opportunità di formazione. Nel gennaio 2017 ha rappresentato l’UNHCR al World Economic Forum di Davos, dove era la partecipante più giovane.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.