English version | Cerca nel sito:

Ruth Bader Ginsburg 1933 - 2020

giudice liberal e pioniera della parità di genere

Ruth Bader Ginsburg

Ruth Bader Ginsburg

Ruth Bader Ginsburg, giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, scomparsa il 18 settembre 2020 all'età di 87 anni per un male incurabile, è stata una delle personalità più influenti della comunità ebraica americana degli ultimi cinquant'anni. Profondamente convinta, come donna e come magistrato, dell’uguaglianza tra gli esseri umani, è stata una tenace sostenitrice della parità uomo-donna e ha dato un grande contribuito, come avvocato e magistrato, all'affermazione dei diritti delle donne negli Stati Uniti.

Nata a Brooklyn il 15 marzo 1933 da genitori ebrei - il padre immigrato dall'Ucraina e la madre nata a New York da genitori provenienti dall’Austria - nel 1954 Ruth si laurea in diritto alla Cornell University, dove conosce il marito, Martin Ginsburg. Successivamente ottiene la laurea in giurisprudenza alla Harvard University, in un corso frequentato da sole nove donne, inclusa lei, su circa 500 studenti. Completati gli studi alla Columbia University, inizia nel 1963 la carriera di docente di diritto alla Rutgers University, nel New Jersey, dove rimane per dieci anni.

In questo periodo Ruth inizia la battaglia per la parità di genere come consigliere generale per l'American Civil Liberties Union (ACLU), denunciando oltre 300 casi di discriminazione di genere - sei davanti alla Corte Suprema - e contribuendo a lanciare il Women’s Rights Project dell'ACLU.

Nel 1980 l'allora Presidente Jimmy Carter nomina Ginsburg giudice della Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia. Nel 1993 arriva la nomina alla Corte Suprema da parte dell'allora Presidente Bill Clinton e Ginsburg diventa così la seconda donna nella storia degli Stati Uniti a ricoprire quella carica e la prima esponente femminile della comunità ebraica a far parte della Corte.

“Ginsburg si era conquistata la reputazione di agguerita sostenitrice dell'uguaglianza di genere già come normale persona. In qualità di magistrato, prima come giudice della Corte d'Appello e poi durante i 27 anni come giudice della Corte Suprema, ha costruito su quell’eredità”, ha scritto la giornalista e scrittrice americana Erin Blakemore nel ritratto di Ruth Bader Ginsburg pubblicato su History.com, ricordando i diversi fronti su Ginsburg si era impegnata per sancire dal punto di vista giuridico l'uguaglianza uomo-donna e garantire una effettiva uguale protezione per donne e uomini. "Facendo leva su precedenti sentenze riguardanti i diritti civili in relazione alla razza - in cause intentata da uomini - Ginsburg ha dimostrato le ragioni per cui la Corte Suprema doveva porre fine alla discriminazione di genere. Molti dei suoi casi erano imperniati sulla Clausola di Uguale Protezione prevista dal Quattordicesimo Emendamento, che prevede che le persone siano ugualmente protette dalle leggi statunitensi. Attraverso una serie di cause minori, ha attaccato leggi discriminatorie”.
Oltre ad affermare il principio pari retribuzione per pari lavoro, durante tutto il suo mandato alla Corte Suprema Ginsburg è stata ferma nel difendere il diritto di una donna ad abortire. Nel consenso da lei formulato nel 2016 nell'ambito della causa Whole Women’s Health contro Hellerstedt, Ginsburg ha fornito una difesa convincente del diritto di scelta di una donna. E lo ha fatto da sola. "Nessun altro giudice ha firmato il consenso, in cui lei aveva scritto che "molte procedure mediche, incluso il parto", sono molto più pericolose dell'aborto e aveva affermato che la legge del Texas, che limita gli aborti, era "oltre ogni comprensione razionale”.

L’appartenenza alla comunità ebraica ha influito notevolmente sulle convinzioni etiche di Ruth Ginsburg, come aveva dichiarato lei stessa nel 2017 partecipando a una funzione religiosa per la ricorrenza di Rosh Hashanah, il Capodanno ebraico. In quell'occasione aveva spiegato come la sua identità ebraica e i testi letti durante la sua formazione avevano inspirato in lei un senso di empatia per altri gruppi minoritari. "Se sei un membro di un gruppo di minoranza, in particolare un gruppo che è stato preso di mira, provi empatia per gli altri che si trovano in una situazione simile. La religione ebraica è una religione etica. Cioè, ci viene insegnato a fare il bene, ad amare la misericordia, a rendere giustizia non perché ci sarà una ricompensa in paradiso o una punizione all'inferno. Viviamo rettamente perché è così che le persone dovrebbero vivere e non anticipare alcun premio nell'al di là".

Ruth Ginsburg ha avuto anche un ruolo determinante nel rendere il sistema legale americano più accessibile e comprensibile ai cittadini, riuscendo a colmare il divario tra la legge, la Costituzione e il sistema legale, da un lato, e la società che le istituzioni dovrebbero servire, dall'altro. “Non riesco a pensare a un'altra figura giuridica che abbia avuto un'influenza così profonda e una consapevolezza della vita quotidiana della società in cui viveva come ha mostrato lei, o che fosse così popolare come lei", ha raccontato Dorit Beinisch, già Presidente della Corte Suprema di Israele, nell'editoriale pubblicato sul quotidiano Haaretz in memoria della "coraggiosa guerriera della giustizia la cui voce è necessaria nei nostri tempi difficili. "Molte persone criticavano questo suo approccio popolare. Il suo comportamento era diverso da quello tipico dei magistrati: era disponibile a intervenire negli eventi pubblici, veniva intervistata spesso, amava la musica e l'arte di ogni tipo, accettava con grande umorismo le critiche espresse nei suoi confronti negli spettacoli di intrattenimento televisivo, era aperta e attenta agli altri".

Nel 2018 a Tel Aviv, ritirando il Genesis Award alla carriera conferitole dalla Genesis Prize Foundation per il suo "eccezionale lavoro come magistrato nel campo delle libertà civili e dei diritti delle donne", Ginsburg aveva affermato di essere "una giudice nata, cresciuta e orgogliosa di essere ebrea".

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Coraggio civile

in ogni parte del mondo

Il Comitato Foresta dei Giusti vuole far conoscere coloro che si sono battuti e si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani ovunque siano calpestati, per affermare la volontà di vivere in pace nella convivenza civile, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità.