English version | Cerca nel sito:

Vian Dakhil 1971

deputata yazida contro lo Stato Islamico

 Vian Dakhil (a destra) con una delegazione delle vittime dello Stato Islamico al Parlamento Europeo

Vian Dakhil (a destra) con una delegazione delle vittime dello Stato Islamico al Parlamento Europeo

Membro del Parlamento iracheno, è l’unica yazida a ricoprire questa carica. Dakhil è apparsa nei titoli dei giornali internazionali il 5 agosto 2014, quando in Parlamento ha rivolto un accorato appello per gli yazidi intrappolati nei Monti del Sinjar, accusando l’ISIS di genocidio contro questo popolo. Il discorso ha avuto un’ampia risonanza soprattutto nel mondo anglosassone, perché è stato trasmesso dalla CNN.

Il 9 agosto di quell’anno ha ammonito che senza aiuti immediati gli yazidi sarebbero morti in massa. Il 12, Vian Dakhil viene ferita in un incidente con un elicottero che portava aiuti agli yazidi del Sinjar e di Mosul assediati dallo Stato Islamico. Il pilota è morto e lei si è fratturata una gamba, ma per errore era stata annunciata anche la sua morte. 

Nello stesso anno l’On. Dakhil ha vinto il premio Politkovskaya “per il coraggio e la determinazione a farsi portavoce della comunità yazida e di altre donne irachene sotto lo Stato Islamico, nonostante il pericolo che affronta in qualità di deputata yazida donna che si oppone allo Stato Islamico”. 

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.