Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Ariadna Efron 1912 - 1975

Figlia della poetessa russa Marina Cvetaeva

Ariadna Efron, il libro di memorie sulla madre

Ariadna Efron, il libro di memorie sulla madre

Ariadna Efron (Alja), la figlia primogenita di Sergej Jakovlevic Efron e di Marina Ivanovna Cvetaeva, nasce a Mosca il 18 settembre 1912. È una bambina dai grandi occhi azzurri come il padre; è bellissima e molto intelligente. Fin da piccola con straordinaria precocità capta suggestioni poetiche dalla madre. Marina Cvetaeva è, infatti, un grande poeta, la cui particolarissima pronuncia, rappresa ed incandescente, ritmata da cesure e trattini, potenti detonatori di ogni prevedibilità sintattica, tocca una delle vette più alte e innovative nella geografia poetica del Novecento. 

Allo scoppio della Rivoluzione, Sergej si arruola nell’Armata Bianca mentre Marina, con Alja ed Irina, nata nel frattempo, rimane a Mosca. Alja impara presto a leggere e all’età di sette anni già compone piccole poesie; è, inoltre, dotata di grande talento nel disegno. Nel febbraio del ’20, nell’asilo di Kuncevo, muore di denutrizione la sorella Irina. 

Nel ’21, dopo circa quattro anni, il padre può dare notizie di sé. Nel maggio del ’22, Alja e Marina lo raggiungono a Berlino. La famiglia si trasferisce in Cecoslovacchia, dove vive nei dintorni di Praga in condizioni difficili. Nel febbraio del ’25 nasce il fratello Georgij, chiamato affettuosamente Mur, che la Cvetaeva adora.

Nell’autunno, la famiglia si trasferisce in Francia; vive soprattutto nei dintorni di Parigi in condizioni di vera indigenza. Alja confeziona berretti e pupazzetti di lana che vende a cinque franchi. Dal ’28 al ‘30 frequenta la scuola del Museo del Louvre, e poi l’Istituto di Arte Applicata. In quegli anni Sergej si accosta sempre di più all’ideologia bolscevica e mostra chiare tendenze filosovietiche. Alja, che è stata, come la madre, decisamente antisovietica, si avvicina alle idee del padre. Anche per questo, il rapporto intenso ed esclusivo con la madre si spezza drammaticamente. Nel marzo del ’37, Alja, convinta di trovare in Unione Sovietica il regno della libertà e dell’impegno per una società più giusta, fa ritorno a Mosca. In ottobre, in seguito ad un omicidio, anche Sergej, diventato un agente dei servizi segreti sovietici, ritorna a Mosca. Alja è felice; si trova nel suo grande paese, lavora alla “Revue de Moscou”, ha conosciuto Mulja Gurevic, di cui è innamorata. In questo periodo si incontra spesso con Boris Pasternak, conosciuto per la prima volta nel luglio del ’35 a Parigi, dove il poeta si trovava per partecipare al primo congresso degli scrittori antifascisti. Nel giugno del ’39 anche Marina e Mur, rimasti a Parigi, fanno ritorno in URSS. La famiglia riunita vive nella dacia di Bol’ševo, vicino a Mosca. 

Nell’ agosto Alja viene arrestata: è accusata di complicità con il padre, ritenuto un traditore. Nella disgrazia lo straordinario rapporto madre-figlia si ricompone. Alja è condannata ad otto anni di lager. Nell’ottobre del ’39 è arrestato anche il padre che sarà fucilato nel ’41. Sopraggiunta la guerra, la Cvetaeva, con Mur, lascia Mosca, ma ad Elabuga si uccide, impiccandosi.

Dopo il lager Alja, rilasciata nel ’47, si stabilisce a Rjazan’, dove insegna grafica. All’inizio del ’49 viene di nuovo arrestata e condannata al confino a vita a Turuchansk, in Siberia. Da Turuchansk Alja inizia un intenso carteggio con Pasternak, il quale manda a lei per prima il manoscritto del Dottor Živago. Riabilitata nel ’55 e tornata a Mosca, Alja dedica tutto il suo impegno al ritrovamento e alla pubblicazione dei manoscritti della madre; scrive anche un libro di memorie su di lei, Marina Cvetaeva, mia madre, che sarà pubblicato postumo nel ’79 a Parigi. Ariadna Efron si spegne a Tarusa, luogo incantato dell’infanzia della madre, nel 1975.

a cura di Marina Argenziano

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




L'ardua difesa della dignità umana

nel totalitarismo comunista

Il GULag come organizzazione del sistema dei lager sovietici è stato un potente strumento di sterminio di intere categorie di cittadini nelle mani del totalitarismo comunista, in URSS dalla metà degli anni Venti e per imitazione negli altri paesi del blocco comunista, sia in Europa che in Estremo Oriente, nella seconda metà del Novecento.
Attraverso il terrore il regime ha esercitato un ferreo controllo sociale e la sottomissione completa della popolazione.
Per chi voleva opporsi non si trattava di rischiare la vita per salvare un altro essere umano, ma di salvare la propria identità anche a costo della vita. Solo così, indirettamente, altre vite sono state salvate e questa coraggiosa resistenza morale ha contribuito al disfacimento dell’impero sovietico, fino al crollo del 1989.