English version | Cerca nel sito:

Orhan Pamuk 1952

premio Nobel, ha raccontato gli scontri ed i legami tra le diverse culture

Nasce a Istanbul nel 1952 in una famiglia borghese e frequenta il liceo americano della città. Si iscrive in un primo momento alla facoltà di architettura dell'Università Tecnica di Istanbul per volere della famiglia, per poi decidere definitivamente di dedicarsi alla letteratura, scegliendo l’Istuituto di Giornalismo dell'Università di Istanbul, dove si laurea nel 1977. Dal 1985 al 1988 si trasferisce negli Stati Uniti dove diventa “studioso ospite” alla Columbia University di New York, per poi tornare definitivamente a Istanbul, dove comunque rifiuta il titolo di "artista di Stato" assegnatogli dal governo turco.

Nell’estate del 2005 viene incriminato dalla magistratura del suo Paese a seguito di alcune dichiarazioni fatte a una rivista svizzera sul genocidio degli armeni e i massacri dei curdi. Il processo, che ha attirato l'attenzione della stampa internazionale, iniziato il 16 dicembre 2005, viene poi sospeso in attesa dell'approvazione del ministro della giustizia turco. Nonostante il grande successo riscosso in patria, una parte dell'opinione pubblica turca, quella più sensibile alla propaganda dei nazionalisti, si schiera contro Pamuk nel clima incandescente della messa sotto esame della Turchia per l’accesso all’Europa Comunitaria. A seguito tuttavia delle pressioni internazionali e dell’imbarazzo del governo turco, le accuse vengono infine ritirate il 22 gennaio 2006, considerando che il fatto non costituisce reato per il nuovo codice penale appena approvato.
Subito dopo Pamuk riceve il premio Nobel per la letteratura con la seguente motivazione: "nel ricercare l'anima malinconica della sua città natale, ha scoperto nuovi simboli per rappresentare scontri e legami fra diverse culture".

Nel 2007, dopo l’omicidio dello scrittore turco-armeno Hrant Dink, subisce ripetute minacce di morte, che lo costringono a cancellare una serie di conferenze in Germania e in Belgio e a lasciare, almeno temporaneamente, il suo paese. Uno degli autori dell'omicidio di Dink, catturato dalla polizia, durante il trasferimento dal tribunale in prigione urla, davanti alle telecamere: "Pamuk, ora tocca a te".
Pamuk è stato il primo scrittore nel mondo musulmano a condannare la fatwa iraniana contro Salman Rushdie.

I suoi romanzi sono stati pubblicati in oltre quaranta lingue.
Tra le sue opere tradotte in italiano: La casa del silenzio (1993), Il libro nero (1996), La nuova vita (2000), Il mio nome è rosso (2001), Neve (2004), Il castello bianco (2006), Istanbul (2006).

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Figure di verità

contro il negazionismo nel genocidio degli armeni

Personaggi che non hanno ricevuto la targa nel Muro della Memoria di Yerevan, né il riconoscimento del Comitato "La Memoria è il Futuro", ma che si sono distinti per la loro opposizione alle teorie negazioniste tuttora prevalenti in Turchia. Tra di essi alcuni intellettuali turchi che non hanno accettato di abdicare al dovere della verità e per questo sono stati perseguitati e minacciati in patria. Il giornalista Hrant Dink, di origine armena, ha pagato con la vita la sua battaglia per il riconoscimento del genocidio in Turchia.