English version | Cerca nel sito:

Eric Eugene Murangwa

sopravvissuto al genocidio rwandese, oggi utilizza il calcio come strumento per promuovere tolleranza, unità e riconciliazione tra i giovani

Calciatore, membro della più grande squadra di calcio rwandese, la Rayon Sports, a causa della sua appartenenza all’etnia tutsi fu costretto, allo scoppio del genocidio del 1994, a nascondersi continuamente. Aiutato dai suoi compagni e da un hutu tifoso della sua squadra, Eric si rifugiò per un breve periodo anche all’Hotel Mille Colline.

Decise poi di non tornare in patria durante una partita in Tunisia, e si trasferì prima in Belgio e poi nel Regno Unito. 

Oggi dedica la vita a ciò che lo ha salvato, il calcio. La sua fede nello sport e nei suoi valori lo ha spinto a fondare l’organizzazione Future for Hope, Peace and Unity, con la quale utilizza il calcio come strumento per promuovere tolleranza, unità e riconciliazione tra i giovani rwandesi.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.