Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Don Eugenio Bussa 1904 - 1977

Fondò una Colonia di sfollamento nella quale nascose numerosi ebrei

Eugenio Cesare Bussa nasce il 3 settembre 1904 a Milano, nel popolare quartiere Isola. Frequenta l’oratorio del Patronato di S. Antonio, di cui diventa vicedirettore dopo essere stato ordinato sacerdote nel 1928. Negli anni ‘30 fonda la Schola cantorum e costruisce la nuova chiesa, è segretario della Federazione Oratori Milanesi e nel ’37 diventa direttore dello stesso Patronato.
Nel febbraio ‘43 crea la colonia di sfollamento di Serina (Bg), superando le resistenze del prefetto grazie all’intervento di un alto prelato di Bergamo e dell’arcivescovo di Milano, il cardinale Schuster. Don Eugenio dà riparo a una trentina di bambini, figli poveri dell’Isola, dei dipendenti Pirelli e di conoscenti del Patronato, per poi allargare il gruppo ad altri piccoli, fino a raggiungere le ottanta presenze. Accoglie, all'insaputa di tutti, anche bambini ebrei, nascondendoli sotto falso nome e garantendo il rispetto della loro diversa fede religiosa. Nell’agosto ’43 il Patronato è colpito da una bomba che devasta l’edificio, ma il sacerdote, per evitare che i ragazzi suoi ospiti siano richiamati al fronte nelle file repubblichine, li nasconde nelle cantine e ne altera i documenti, dando rifugio anche a perseguitati politici. Nel novembre ’44, due mesi dopo la chiusura della Colonia di Serina da parte delle autorità fasciste che ne occupano il convento, la brigata Muti arresta Don Eugenio sospettando le sue attività, ma la reazione ferma di tutto il quartiere e le pressioni del cardinale Schuster ne determinano la liberazione, allontanando lo spettro della deportazione. Cinque mesi dopo Milano è liberata dalle brigate partigiane e anche il coraggioso prete dei poveri è salvo.
Don Eugenio continua la sua frenetica attività a favore dei ragazzi anche nel dopoguerra: costruisce due colonie montane e una marina, apre un pensionato nel 1961 e progetta un oratorio femminile, che tuttavia non riesce a ultimare. Muore infatti il 29 gennaio 1977, coerente con la convinzione che l’ha sorretto per tutta la vita: “che il mondo abbia più bisogno di uomini che facciano del bene che di saggi che stupiscano per la loro sapienza”.
Dopo lunghe ricerche, dovute alla riservatezza di Don Eugenio, che non ha mai parlato della propria attività, neppure dopo la Liberazione, i suoi collaboratori sono riusciti a rintracciare in Israele Alberto Fazio, uno dei bambini ebrei nascosti dal sacerdote, e a ricostruire così le vicende di aiuto e di salvataggio di cui fu protagonista. Il dossier inviato a Gerusalemme, all’istituto Yad Vashem, ha permesso di assegnare a Don Eugenio Bussa, il 28 marzo 1990, il titolo di “Giusto tra le Nazioni”.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Giusti tra le Nazioni nella Shoah

ricordati a Yad Vashem nel Giardino dei Giusti

Lo Stato d'Israele ha istituito negli anni '50 lo Yad Vashem, il Mausoleo di Gerusalemme per ricordare le vittime della "soluzione finale" voluta da Hitler. All'inizio degli anni '60 è sorta la "Commissione dei Giusti", con il compito di assegnare il titolo di "Giusto tra le Nazioni" a chi, non ebreo, ha salvato degli ebrei negli anni della persecuzione nazista e all'interno di Yad Vashem è stato creato il "Giardino dei Giusti", con un viale in cui ogni albero è dedicato a un giusto. Negli ultimi anni, per mancanza di spazio, l'albero è stato sostituito dal nome inciso nei muri di cinta del giardino.
La Commissione, presieduta per quasi trent'anni dal giudice della Corte Costituzionale Moshe Bejski, ha riconosciuto e documentato finora circa 20.000 giusti: tra questi ne abbiamo scelti alcuni.
Tuttavia, come ricordava spesso Bejski, i Giusti sono molti di più e il compito della Commissione è quello di individuarli e premiarli prima che il trascorrere del tempo cancelli per sempre le testimonianze e le altre prove documentali del loro gesto di aiuto. Il caso italiano dimostra la fondatezza della preoccupazione di Bejski: l'alto numero di ebrei scampati alla "soluzione finale" non è compatibile con i pochi giusti italiani riconosciuti a Gerusalemme (circa 500 a fine 2011). 

Per questo è importante segnalare i casi ancora sconosciuti e attivare il procedimento presso la Commissione per iniziare l'istruttoria che porti ad altre assegnazioni del titolo di "Giusto tra le Nazioni".

Storie segnalate

Storie Shoah

altre vicende esemplari raccontate su Gariwo