Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Andrea Ghetti 1912 - 1980

cofondatore di OSCAR, insieme a Don Giovanni Barbareschi

Mons. Andrea Ghetti (detto Baden) nasce a Milano l’11 marzo 1912. A quindici anni, proprio mentre il regime fascista decretava lo scioglimento dei Reparti Asci - gruppo del quale faceva parte insieme al fratello Vittorio -, pronuncia la promessa scout. Dall’autunno 1929 fa parte del gruppo clandestino delle Aquile randagie.

Ghetti si iscrive poi alla facoltà di filosofia, conseguendo la laurea nel 1935. Durante la discussione della sua tesi, si rifiuta di indossare l’obbligatoria camicia nera fascista. Dopo pochi giorni entra nel Seminario Lombardo di Roma, e nel 1939 celebra la sua prima messa nella chiesa di S. Maria Incoronata, sua parrocchia natale. Diventa poi insegnante a Lecco e quindi a Milano di storia, filosofia e religione. In questi anni conosce e stringe forte amicizia con mons. Montini, futuro Paolo VI.

Durante il periodo bellico fonda, insieme tra gli altri a Don Giovanni Barbareschi - a cui è stato dedicato un albero del Giardino dei Giusti nel 2014 - la struttura clandestina “OSCAR” (Organizzazione Scout - termine poi sostituito con Soccorso - Collocamento Assistenza Ricercati) per il salvataggio dei perseguitati dai nazifascisti. Sotto questo insospettabile nome di persona, Ghetti ed i suoi compagni rischiano la vita e la libertà per salvare uomini, donne, famiglie, soldati, religiosi, chiunque fosse vittima di quella violenta oppressione. Ghetti affronta anche un durissimo viaggio per riportare in Italia gli internati nei lager, portando con sé speranza, primi aiuti ed il conforto della fede.

Nel 1945 è nominato Assistente Ecclesiastico regionale dell’ASCI Lombarda: in questo ruolo, con l’assenso dell’arcivescovo di Milano, cardinal Alfredo Ildefonso Schuster, promuove la rinascita dello scoutismo cattolico in Lombardia assieme a Giulio Cesare Uccellini e al fratello Vittorio.

Nel dopoguerra è molto attivo nel campo della carità, operando per raccogliere fondi a favore dei mutilatini di don Gnocchi, per aiutare le popolazioni colpite dall’alluvione del Polesine, i profughi della rivolta ungherese e gli sfollati del Vajont.

Non manca il suo impegno giornalistico: Ghetti dirige infatti fin dalla fondazione il mensile “Il Segno e la rivista scout “Servire”.

Muore il 5 agosto 1980 in un inciderne stradale in Francia, durante il campo estivo dei suoi rover. A lui e al fratello Vittorio è stato conferito l’Ambrogino d’oro della città di Milano nel 1980.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Storie segnalate

di Giusti nella Shoah

Sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute. In questa sezione sono raccolte le segnalazioni e le testimonianze inviate al Comitato per la Foresta dei Giusti o pervenute al sito, di chi vuol far conoscere un episodio finora sconosciuto o poco considerato, di salvataggio, di aiuto, di solidarietà e di umanità, nei tempi bui delle persecuzioni e dell'odio.
Per alcune vicende è stata chiesta l'assegnazione del titolo di "Giusto tra le Nazioni" alla Commissione dei Giusti di Gerusalemme, presso la quale viene incardinata l'istruttoria.

Giusti riconosciuti

Giusti tra le Nazioni

già riconosciuti da Yad Vashem