English version | Cerca nel sito:

Eugenio Damiani 1922 - 1944

Imprenditore edile lombardo che trasformò la sua casa in un rifugio per gli antifascisti

Eugenio Damiani

Eugenio Damiani

Eugenio Damiani nato a Villanuova sul Clisi, in provincia di Brescia, imprenditore edile laureato in Ingegneria al Politecnico di Milano, insieme alla sua famiglia trasformò la sua “Casa Damiani” a Milano in un fondamentale punto d’incontro per gli oppositori al regime fascista. Sposò la genovese Ada Grossi, amica di Anna Kuliscioff, emigrata russa divenuta protagonista dei socialismo milanese e italiano, compagna di Filippo Turati. Tra i figli dell’ingegnere, Mario Damiani giocò un ruolo importante durante gli anni della resistenza. Il giovane si legò a gruppi socialisti, repubblicani e liberali, attivi clandestinamente nel capoluogo Lombardo. Insieme ai suoi fratelli, Piero e Alberto, venne accusato di aver organizzato un piano per far evadere dal carcere di Piacenza l'antifascista promotore del federalismo europeo Ernesto Rossi.

Eugenio Damiani, nel marzo del 1944, venne catturato dalla polizia repubblichina insieme proprio al figlio Mario in piazza Castello a Milano. Mario fu internato nel campo di concentramento di Fossoli, e poi deportato a Mauthausen-Gusen dove morì. Eugenio Damiani, Medaglia d’oro alla memoria, morì nel campo di concentramento di Bolzano. Era il prigioniero più vecchio del campo, sottoposto a tortura crudelissima.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Storie segnalate

di Giusti nella Shoah

Sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute. In questa sezione sono raccolte le segnalazioni e le testimonianze inviate al Comitato per la Foresta dei Giusti o pervenute al sito, di chi vuol far conoscere un episodio finora sconosciuto o poco considerato, di salvataggio, di aiuto, di solidarietà e di umanità, nei tempi bui delle persecuzioni e dell'odio.
Per alcune vicende è stata chiesta l'assegnazione del titolo di "Giusto tra le Nazioni" alla Commissione dei Giusti di Gerusalemme, presso la quale viene incardinata l'istruttoria.

Giusti riconosciuti

Giusti tra le Nazioni

già riconosciuti da Yad Vashem