English version | Cerca nel sito:

Gerhard Kurzbach 1915 - 1944

Un nazista Giusto tra le Nazioni

Gerhard Kurzbach

Gerhard Kurzbach

Gerhard Kurzbach nacque nel 1915 a Poznan. Nel 1918, si trasferì con la sua famiglia a Bunzlau nell’est della Polonia. Imparò il mestiere di meccanico e lavorò nel laboratorio di suo padre. Nell'agosto del 1939 fu arruolato nella Wehrmacht, dove prestò servizio in artiglieria. Nel 1941 assunse il comando di un parco automobilistico militare vicino a Bochnia. Qui, nello stesso anno, venne istituito un ghetto, che radunava tutti gli ebrei dell’area circostante. Solo Bochnia ne contava circa 3500, quasi il 20% della popolazione della città. Numerosi lavoratori ebrei vennero impiegati nell’officina di riparazione di Kurzbach. Nel 1942, il sergente salvò 200 di loro dalla deportazione ai campi di sterminio con il pretesto di avere urgentemente bisogno di loro per una missione fondamentale per la causa della guerra.

Yisrael Frumer, uno dei 200 ebrei salvati da Kurzbach, raccontò al quotidiano israeliano Haaretz l’incontro con il sergente avvenuto il 23 agosto 1942: “Kurzbach arrivò nel ghetto con un camion militare e iniziò a radunare le persone. Urlava contro di noi. Avevamo davvero paura di lui. Solo in seguito abbiamo capito che quelle urla erano una sorta di alibi. Fingeva di non essere un ‘amante degli ebrei’, nessuno sapeva che lui usava la sua uniforme per salvarci”. Frumer passò la notte nell’officina, con parte della sua famiglia. I cancelli erano chiusi, così nessuno poteva entrare. In questo modo, gli ebrei radunati dal sergente si salvarono dalla deportazione che stava colpendo il ghetto. Il giorno dopo tornarono tutti a casa.

Diversi mesi più tardi, alla fine del 1942, i nazisti fecero i conti con Kurzbach. Frumer vide cinque uomini armati avvicinarsi all’officina, disarmare e arrestare Kurzbach. L’ultimo suo messaggio alla famiglia fu inviato dalla Romania nell'agosto del 1944. Del comandante non si seppe più nulla.

Per la sua azione di salvataggio durante la tirannia nazista, Gerhard fu riconosciuto Giusto tra le Nazioni il 28 novembre 2012.

Il 14 marzo 2019 è stato inserito nel Giardino Virtuale del Monte Stella con questa motivazione: Sottufficiale della Wermacht, durante la II Guerra Mondiale, con il pretesto del bisogno di manodopera per la propria officina meccanica, riuscì a salvare 200 ebrei del ghetto di Bochnia, in Polonia. A seguito di ciò, venne arrestato e di lui non si seppe più nulla. Per il suo sacrificio è stato riconosciuto “Giusto tra le Nazioni” nel 2012.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Storie segnalate

di Giusti nella Shoah

Sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute. In questa sezione sono raccolte le segnalazioni e le testimonianze inviate al Comitato per la Foresta dei Giusti o pervenute al sito, di chi vuol far conoscere un episodio finora sconosciuto o poco considerato, di salvataggio, di aiuto, di solidarietà e di umanità, nei tempi bui delle persecuzioni e dell'odio.
Per alcune vicende è stata chiesta l'assegnazione del titolo di "Giusto tra le Nazioni" alla Commissione dei Giusti di Gerusalemme, presso la quale viene incardinata l'istruttoria.

Giusti riconosciuti

Giusti tra le Nazioni

già riconosciuti da Yad Vashem