English version | Cerca nel sito:

Giannina Bellinzoni e la sua famiglia

salvarono un imprenditore ebreo

Giannina Bellinzoni

Giannina Bellinzoni

Testimonianza di Silvana Rocchetti, nipote di Maria Bellinzoni - Milano, 18 settembre 2009

Durante la Seconda guerra mondiale la famiglia Bellinzoni lascia la casa di Milano e si trasferisce a Cadorago, vicino a Como, per sfuggire ai bombardamenti. Le due figlie Giannina e Maria continuano però ad andare tutti giorni in città a lavorare: Giannina è impiegata in un’azienda di fibbie per calzature che appartiene a un ebreo, il signor Stemberg.

All’entrata in vigore delle leggi razziali la moglie e i figli di Stemberg partono per la Francia mentre l’imprenditore preferisce restare in città a gestire gli affari. Un giorno le SS si presentano in ufficio chiedendo del sig. Stemberg che per fortuna in quel momento non c'era, ma era sicuro che sarebbero ritornati...

La famiglia Bellinzoni intuisce che l’uomo rischia la vita e decide di offrirgli rifugio nell’appartamento di viale Certosa rimasto vuoto: questa scelta mette in pericolo tutti loro dato che chiunque fosse stato sorpreso a nascondere gli ebrei era punito con l’arresto e la deportazione.

Da quella casa il signor Stemberg non esce mai: è Giannina che si occupa di lui portandogli ogni giorno il cibo e i resoconti sulla situazione dell’azienda fino alla conclusione della guerra, quando Stemberg raggiunge i suoi parenti a Marsiglia, dove oggi vivono i suoi eredi.

Giannina, Maria e la famiglia Bellinzoni a rischio della propria vita e di quella dei loro familiari non si sono tirati indietro di fronte alla possibilità di salvare una vita umana: hanno perseguito ciò in cui credevano con grande forza e coraggio, sfidando ogni possibile pericolo, il loro senso di giustizia, di uguaglianza e di onestà merita di essere per sempre ricordato. 

Il Comune di Cadorago ha dedicato una targa ed un albero in loro onore nel Giardino della scuola media.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Giardino di Cadorago

cerimonia di inaugurazione

Storie segnalate

di Giusti nella Shoah

Sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute. In questa sezione sono raccolte le segnalazioni e le testimonianze inviate al Comitato per la Foresta dei Giusti o pervenute al sito, di chi vuol far conoscere un episodio finora sconosciuto o poco considerato, di salvataggio, di aiuto, di solidarietà e di umanità, nei tempi bui delle persecuzioni e dell'odio.
Per alcune vicende è stata chiesta l'assegnazione del titolo di "Giusto tra le Nazioni" alla Commissione dei Giusti di Gerusalemme, presso la quale viene incardinata l'istruttoria.

Giusti riconosciuti

Giusti tra le Nazioni

già riconosciuti da Yad Vashem