English version | Cerca nel sito:

La famiglia Sopianac

La famiglia che ospitava gli ebrei nel locali della propria azienda. Aiutò e salvò molte famiglie ebree.

Franco Sopianac con alcuni ebrei salvati

Franco Sopianac con alcuni ebrei salvati

La famiglia Sopianac, proprietaria della raffineria di petrolio Olex, nel 1941, dopo l’emanazione della leggi antiebraiche, usò i locali della propria azienda situata nei dintorni di Zagabria, a Sveta Klara, per nascondere i lavoratori ebrei. In poco tempo, i membri della famiglia trasformarono l’edificio in un nascondiglio per i dipendenti e le loro famiglie.

Qualche tempo dopo, i nazisti ordinarono alla famiglia Sopianac di riaprire la raffineria per scopi militari. Ma Franjo Sopianac, il padre di famiglia, fece credere alle autorità che tutti gli uomini e le donne presenti nella raffineria fossero dei lavoratori essenziali. Riuscì così ad acquisire dei permessi di lavoro per loro.

Il figlio di Franjo, Ivan Sopianac, e la moglie, Lela Sopianac, a rischio della vita si prendevano cura degli anziani ebrei e dei bambini, che non potevano lavorare, nascosti nello stabilimento o nella loro stessa casa. Preparavano loro i pasti e si prendevano cura dei loro bisogni primari. Lela ottenne anche diversi permessi di viaggio che consentirono ad alcuni ebrei di fuggire nella zona occupata dagli italiani.

La famiglia Sopianac aiutò molte famiglie ebree durante la guerra. Una di questa, era la famiglia di Nada Aser, una dipendente amministrativa della fabbrica. Sua madre, anziana, era infatti nascosta in un ospedale locale, pagato dai Sopianac. Ivan, le portava viveri e indumenti più volte alla settimana. Anche la famiglia Radičević ricevette aiuto dai Sopianac. Miroslav Radičević lavorò presso la Olex come direttore dell'impianto dal 1942. Sua moglie e suo figlio furono nascosti dal sacerdote Dragutin Jesih fuggirono, con l'aiuto di alcuni abitanti del villaggio, nella fabbrica dei Sopianac.

Il 15 dicembre del 1995 Yad Vashem ha riconosciuto i membri della famiglia Sopianac come Giusti tra le Nazioni. Dal 5 marzo 2021, la famiglia Sopianac sarà onorata anche al Giardino Virtuale del Monte Stella di Milano.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Storie segnalate

di Giusti nella Shoah

Sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute. In questa sezione sono raccolte le segnalazioni e le testimonianze inviate al Comitato per la Foresta dei Giusti o pervenute al sito, di chi vuol far conoscere un episodio finora sconosciuto o poco considerato, di salvataggio, di aiuto, di solidarietà e di umanità, nei tempi bui delle persecuzioni e dell'odio.
Per alcune vicende è stata chiesta l'assegnazione del titolo di "Giusto tra le Nazioni" alla Commissione dei Giusti di Gerusalemme, presso la quale viene incardinata l'istruttoria.

Giusti riconosciuti

Giusti tra le Nazioni

già riconosciuti da Yad Vashem