English version | Cerca nel sito:

Maurizio Lazzaro de' Castiglioni 1888 - 1962

il generale di Mussolini che salvò gli ebrei

Maurizio Lazzaro de' Castiglioni

Maurizio Lazzaro de' Castiglioni

L’8 novembre 1942 le truppe angloamericane sbarcano in Marocco e immediatamente Hitler replica con la decisione di occupare anche quelle parti della Francia che erano state lasciate nelle mani del regime di Vichy. Le truppe dell’Asse giungono dunque nelle città centro-meridionali della Francia, rimaste «libere » a seguito degli accordi franco-italo-tedeschi del 1940. A partire dal 12 novembre 1942, i militari italiani della Divisione alpina « Pusteria », comandati dal gen. Maurizio Lazzaro De Castiglioni (Milano, 1888 – Roma, 1962), arrivano a Grenoble e assumono il controllo di gran parte del territorio del dipartimento dell’Isère, dove resteranno fino all’8 settembre 1943. Quei dieci mesi di dominio italiano a Grenoble vedono un singolare scambio di ruoli tra l’amministrazione francese di Vichy, che invece di proteggere i connazionali di religione ebraica cerca di catturarli per consegnarli ai tedeschi, e l’occupante italiano. Il gen. Castiglioni approfitta della sua posizione di forza per imporre ai rappresentanti locali di Vichy la sospensione delle retate contro gli ebrei francesi e stranieri.

Al Museo della Resistenza e della Deportazione di Grenoble sono esposte due lettere quanto mai significative. La prima è stata inviata da Castiglioni (al suo arrivo a Grenoble) al prefetto francese del’Isère, Raoul Didkowski, che aveva già cominciato la serie delle retate di ebrei da consegnare ai nazisti (persone poi inviate nella regione parigina e da qui verso i campi di sterminio). Castiglioni utilizza la propria posizione di forza per intimare al prefetto Didkowski di cessare la sua caccia agli ebrei e di « provvedere alla revoca degli arresti già effettuati ». Castiglioni precisa che la polizia di Vichy può ovviamente arrestare gli ebrei accusati di reati comuni, ma aggiunge a penna due righe per precisare « senza però che siano deportati fuori dalla zona di controllo italiana ». La seconda lettera esposta al Museo è stata inviata da un ebreo, rifugiatosi nella zona di controllo italiana, a un amico per esortarlo a raggiungerlo a Grenoble, dove l’atmosfera è secondo lui molto più respirabile per gli ebrei. In effetti, i dieci mesi dell’occupazione italiana sono coincisi con un forte afflusso di ebrei francesi e stranieri verso l’Isère e soprattutto verso il suo capoluogo.

Tutto è ovviamente cambiato l’8 settembre 1943, quando i tedeschi hanno attaccato la Pusteria a Grenoble, assumendone il controllo dopo scontri a fuoco costati la vita ad almeno quattro alpini di questa divisione. Una parte dei militari italiani sono stati catturati dai nazisti, ma molti di loro sono riusciti a fuggire allo scopo di rientrare in patria attraverso le Alpi. Nel corso di questo itinerario, alcuni sono entrati nella Resistenza francese. Dopo la guerra si è verificato un paradosso. Il prefetto Didkowski ha approfittato del comportamento di Castiglioni per presentarsi lui stesso (malgrado la sua stretta collaborazione con i nazisti) come amico della Resistenza e protettore degli ebrei.

In calce altri approfondimenti dedicati alla figura del generale Maurizio Lazzaro de' Castiglioni

Testo a cura di Alberto Toscano, giornalista e saggista

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Storie segnalate

di Giusti nella Shoah

Sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute. In questa sezione sono raccolte le segnalazioni e le testimonianze inviate al Comitato per la Foresta dei Giusti o pervenute al sito, di chi vuol far conoscere un episodio finora sconosciuto o poco considerato, di salvataggio, di aiuto, di solidarietà e di umanità, nei tempi bui delle persecuzioni e dell'odio.
Per alcune vicende è stata chiesta l'assegnazione del titolo di "Giusto tra le Nazioni" alla Commissione dei Giusti di Gerusalemme, presso la quale viene incardinata l'istruttoria.

Giusti riconosciuti

Giusti tra le Nazioni

già riconosciuti da Yad Vashem