English version | Cerca nel sito:

Reinhold Chrystman

salvò quasi 700 ebrei, tra cui molti bambini

Reinhold Chrystman ha salvato 700 ebrei durante l'Olocausto, molti dei quali bambini, impiegandoli e nascondenoli in una fabbrica di vetro a Piotrków Trybunalski, vicino a Lodz, in Polonia. Diede loro permessi di lavoro e creò, all'interno della fabbrica stessa, un rifugio per i bambini della città.

Chrystman ha gestito ogni dettaglio della vita nella fabbrica di vetro. Ha impiegato un gran numero di polacchi e oltre 700 ebrei. Stranamente impiegava nella fabbrica un numero insolito di giovani ebrei, poco più che bambini, che venivano designati come "lavoratori qualificati essenziali", un espediente che Chrystman utilizzava per poter salvare più vite possibili.

Fondò una mini-famiglia all'interno della fabbrica. Assunse una giovane donna ebrea appena sedicenne, Franka Berk, il cui unico compito era quello di supervisionare e prendersi cura dei bisogni di 8-9 bambini, dai 2 ai 10 anni. Uno di questi si chiamava Israel Lau e, sopravvissuto, sarebbe in seguito diventato il rabbino capo di Israele, Rav Israel Lau. 

Chrystman avrebbe potuto essere denunciato, ma è andato avanti lo stesso, rischiando la propria vita pur di salvare quella di più ebrei possibile. Era un cristiano evangelico, un battista e un polacco Volksdeutsche. Non si è unito mai al partito nazista.

Emigrò dall'Austria in Brasile alla fine degli anni '40, dove morì negli anni '60.

Ha ricevuto un riconoscimento dal Memoriale Anna Frank di Boise, Idaho.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Storie segnalate

di Giusti nella Shoah

Sono numerose le storie di salvataggio degli ebrei contro la furia nazista durante la seconda guerra mondiale, ancora poco note o addirittura rimaste sconosciute. In questa sezione sono raccolte le segnalazioni e le testimonianze inviate al Comitato per la Foresta dei Giusti o pervenute al sito, di chi vuol far conoscere un episodio finora sconosciuto o poco considerato, di salvataggio, di aiuto, di solidarietà e di umanità, nei tempi bui delle persecuzioni e dell'odio.
Per alcune vicende è stata chiesta l'assegnazione del titolo di "Giusto tra le Nazioni" alla Commissione dei Giusti di Gerusalemme, presso la quale viene incardinata l'istruttoria.

Giusti riconosciuti

Giusti tra le Nazioni

già riconosciuti da Yad Vashem