English version | Cerca nel sito:

Coraggio civile

"Strappate il mantello dell'indifferenza"

Il giornalista e scrittore Paolo Ghezzi presenta Sophie Scholl e  afferma "Ricordare questa ragazza di vent'anni - morta per la libertà - oggi, mentre sull'altra sponda del Mediterraneo altri ventenni chiedono la libertà [...], è non soltanto un esercizio di memoria, ma la riproposizione del coraggio civile e del patriottismo costituzionale come ingredienti irrinunciabili della vita democratica".


"Sophie non è morta invano"

Commovente lettera a Gabriele Nissim di Elisabeth Hartnagel, sorella di Sophie Scholl, la studentessa della Rosa bianca uccisa dai nazisti per aver cercato di risvegliare la coscienza dei giovani tedeschi di fronte all'orrore.


Divjak è libero su cauzione

L'ex generale è stato rimesso in libertà dopo che è stata pagata una cauzione di 500 mila euro. La misura di detenzione a fini di estradizione viene revocata, ma sull'estradizione stessa dovrà invece decidere il tribunale di Korneuburg.


A Marco Impagliazzo il Premio "Hrant Dink"

Il giornalista e docente Marco Impagliazzo vince il riconoscimento dedicato al direttore di Agos e promosso dal Consiglio per la Comunità armena di Roma. 
Un legale della famiglia Dink ha pubblicato il quarto rapporto annuale sull'assassinio.


Arrestati i fondatori del Belarus Free Theatre

Ancora repressione per i coraggiosi artisti del Belarus Free Theatre. acclamato nel mondo e costretto alla clandestinità in patria. Nikholai Khalezin e Natalia Kolyada, che dirigono la compagnia, sono stati arrestati domenica a una manifestazione e liberati su cauzione. Resta in carcere Artiom Zhelezniak, il manager della compagnia.


La Cultura del Coraggio

Martedì 21 dicembre 2010, ore 20.00 presso il Centro Ebraico Italiano "Il Pitigliani" si terrà la Tavola rotonda La Cultura del CoraggioMemoria, identità, comportamento: individuare e trasmettere il coraggio con Riccardo Pacifici, Umberto Croppi, Marcello Pezzetti, Yolande Mukagasana, Gabriele Nissim, Amedeo Osti Guerrazzi. Modera il vice direttore del TG1 Claudio Fico.


Coraggio civile

la forza della dignità umana

In ogni parte del mondo si sono verificate ed esistono tuttora situazioni estreme di violazione dei diritti umani, di persecuzione e di negazione della libertà. Chi trova il coraggio di opporsi, di salvaguardare la propria integrità morale, di affermare il dovere della verità, di denunciare i crimini contro l'Umanità e di battersi per difendere i valori fondanti della convivenza civile, può essere definito Giusto. 
Giornalisti come Sihem Bensedrine in Tunisia e scrittori come Gao Xingjian in Cina, diplomatici come Enrico Calamai in Argentina e artisti come Sunila Abeysekera nello Sri Lanka, studenti come Bo Kyi in Birmania e attivisti, leader sindacali o politici come Maria Elena Moyano in Perù, Guillermo Chen in Guatemala, Fannie Lou Hamer negli Stati Uniti, scienziati, avvocati, medici, intellettuali come Vassili Nesterenko in Bielorussia, Sylvie Maunga Mbanga in Congo, Halima Bashir in Darfur, Hashem Aghajari in Iran. 
Senza dimenticare le figure femminili in prima fila nella difesa dei diritti delle donne calpestati in molte parti del mondo, come Betty Makoni nello Zimbawe, Hawa Aden Mohamed in Somalia,  Khalida Toumi Messaoudi in Algeria,  Lydia Chaco in Messico.
Così come i nomi più noti nella difesa dei diritti umani e civili come Nelson Mandela in Sudafrica, Aung San Suu Kyi in Birmania, Anna Politkovskaja in Russia, Orhan Pamuk in Turchia, Natasha Kandic in Serbia e Svetlana Broz in Bosnia, Ayaan Hirsi Ali dalla Somalia, le madri di Plaza de Mayo in Argentina. 

Il libro

Per questo

Anna Politkovskaja

Multimedia

Le parole di Sonita Alizadeh

rapper contro la pratica delle spose bambine

La storia

Dragan Andric

un intellettuale serbo contro il genocidio bosniaco