English version | Cerca nel sito:

A Marco Impagliazzo il Premio "Hrant Dink"

in memoria del giornalista ucciso

Il giornalista e docente Marco Impagliazzo vince il Premio "Hrant Dink" promosso dal Consiglio per la Comunità armena di Roma. 
Marco Impagliazzo è professore ordinario di Storia contemporanea nell'Università per Stranieri di Perugia, di cui è prorettore. Nel quadro degli studi sulla storia del mediterraneo si è occupato anche della questione armena nell’impero ottomano durante la Prima guerra mondiale. 

Il riconoscimento nasce all'indomani dell'assassinio di Hrant Dink per celebrare il suo impegno come direttore del giornale bilingue "Agos" nel favorire il dialogo tra armeni e turchi. 

Hrant Dink, 4 anni dopo


Il giornalista è stato ucciso da un giovane che gli ha sparato sotto la redazione di Agos. L'assassino è stato arrestato, i mandanti sono in libertà. Lo scorso settembre La Corte di Strasburgo ha condannato la Turchia per aver violato la Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo e le Libertà Fondamentali non rispettando l'articolo 2 sul diritto alla vita. Lo stato turco non ha protetto il giornalista pur sapendolo in pericolo e non ha condotto un'indagine per accertare i responsabili di questa mancanza.

In particolare, lo Stato turco non avrebbe rispettato l'articolo 2 della Convenzione (diritto alla vita), per non aver protetto il giornalista pur sapendolo in pericolo e per non aver condotto un'inchiesta contro i responsabili dell'omissione.

Secondo Andrea Rossini su Osservatorio Balcani la famiglia Dink ha aperto una petizione per avviare un'inchiesta contro 28 rappresentanti della Polizia e della Gendarmeria di Trabzon e Istanbul e uno dei legali della famiglia Dink ha pubblicato il Quarto rapporto annuale sull'omicidio di Hrant Dink in cui sostiene l'esistenza “di un potente apparato e di una mentalità che non solo legittima l'omicidio ma rende anche l'impunità qualcosa di normale. Questo potente apparato è lo Stato stesso. Tutti gli elementi di questo percorso, dal presentare Hrant Dink come un obiettivo nei processi che hanno portato alla sua condanna e poi all'omicidio, e gli ostacoli che sono emersi nel corso del processo contro i suoi assassini, puntano all'ideologia e alla politica dello Stato.” 

21 gennaio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Coraggio civile

la forza della dignità umana

In ogni parte del mondo si sono verificate ed esistono tuttora situazioni estreme di violazione dei diritti umani, di persecuzione e di negazione della libertà. Chi trova il coraggio di opporsi, di salvaguardare la propria integrità morale, di affermare il dovere della verità, di denunciare i crimini contro l'Umanità e di battersi per difendere i valori fondanti della convivenza civile, può essere definito Giusto. 
Giornalisti come Sihem Bensedrine in Tunisia e scrittori come Gao Xingjian in Cina, diplomatici come Enrico Calamai in Argentina e artisti come Sunila Abeysekera nello Sri Lanka, studenti come Bo Kyi in Birmania e attivisti, leader sindacali o politici come Maria Elena Moyano in Perù, Guillermo Chen in Guatemala, Fannie Lou Hamer negli Stati Uniti, scienziati, avvocati, medici, intellettuali come Vassili Nesterenko in Bielorussia, Sylvie Maunga Mbanga in Congo, Halima Bashir in Darfur, Hashem Aghajari in Iran. 
Senza dimenticare le figure femminili in prima fila nella difesa dei diritti delle donne calpestati in molte parti del mondo, come Betty Makoni nello Zimbawe, Hawa Aden Mohamed in Somalia,  Khalida Toumi Messaoudi in Algeria,  Lydia Chaco in Messico.
Così come i nomi più noti nella difesa dei diritti umani e civili come Nelson Mandela in Sudafrica, Aung San Suu Kyi in Birmania, Anna Politkovskaja in Russia, Orhan Pamuk in Turchia, Natasha Kandic in Serbia e Svetlana Broz in Bosnia, Ayaan Hirsi Ali dalla Somalia, le madri di Plaza de Mayo in Argentina. 

Multimedia

Yusra Mardini

giovane nuotatrice siriana che si batte per i diritti dei rifugiati

La storia

Marianella Garcia Villas

collaboratrice di Oscar Romero, sempre impegnata nella battaglia per i diritti umani