Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/coraggio-civile/akram-aylisli-23741.html
Gariwo

Akram Aylisli (1937)

Uno scrittore azero che sfida in solitudine il suo governo pubblicando un libro che parla di armeni

Ancora una volta, in alcune aree del mondo, intellettuali ed esponenti della società civile dimostrano di muoversi sul terreno della cultura democratica sfidando governi e regimi che, ben lontani dal perseguire obiettivi di convivenza pacifica tra popoli ed etnie, alimentano nell’opinione pubblica e, cosa anche più grave, nelle nuove generazioni, il risentimento, l’intolleranza, la violenza, l’odio. Così accade in Azerbaigian. Uno scrittore azero, Akram Aylisli, sfida in solitudine il suo governo pubblicando un libro che parla di armeni. Si ritrova alcune copie date alle fiamme sotto la sua casa e sulla testa una taglia di 12.700 dollari, messa a disposizione di chi mozzerà le orecchie all’anziano scrittore. Gli è stata tolta la pensione e l’alta onorificenza di Stato che gli era stata assegnata per meriti culturali.

Le relazioni tra l’Azerbaigian e l’Armenia pesantemente segnate dalla guerra per la regione del Nagorno Karabakh, negli anni Novanta, sono caratterizzate oggi dopo la guerra di aggressione del 2020, la sconfitta degli armeni del Nagorno Karabakh, il trionfo degli azeri supportati dalla Turchia da un rafforzamento dell’ideologia dell’odio e del nemico. 

Il pensiero di Akram Aylisli diverge da quello della maggioranza fanatica. Parla di dialogo e riconosce che agli armeni sono state inferte in anni recenti sofferenze inaudite. Il suo romanzo breve dal titolo “Sogni di pietra”, parla del genocidio armeno, delle violenze subite dal popolo armeno nel Nakhicevan agli inizi del ‘900 e ricostruisce i fatti di Sumgait del 1988, un vero e proprio pogrom degli azeri contro la minoranza armena, ripetutosi a Baku e in altre città dell’Azerbaigian. Racconta inoltre le vicende della guerra per il Nagorno Karabakh, l’enclave a maggioranza armena in territorio azero e si pronuncia sul tragico episodio di Khojalu, rifiutandosi di giudicare semplicemente gli armeni come aggressori e gli azeri come vittime.

Akram Aylisli ha pubblicato il suo romanzo negli Stati Uniti e in russo sul giornale letterario Druzhba Narodov, “Amicizia fra i popoli”. In una intervista l’autore chiarisce di avere avvertito, in quanto azero, la responsabilità di spiegare il ruolo del suo Paese nel conflitto: Non pensate che noi abbiamo dimenticato le brutte cose che abbiamo fatto agli armeni, noi le accettiamo; e anche voi armeni avete fatto brutte cose. È dovere degli intellettuali armeni scrivere sulle loro brutte storie. Ma se gli armeni continueranno a vivere nel Karabakh, dobbiamo vivere fianco a fianco. Questo è un messaggio per gli armeni: non abbiate paura, non è la fine di tutto, possiamo vivere assieme.

Questa è la dichiarazione che ha scatenato le reazioni più pesanti del governo azero.

Ali Akhmedov, segretario del partito al potere, ha dichiarato che Akram Aylisli ha inferto un colpo mortale al Paese e lo ha sospettato di nascondere un’origine armena. Altri, ironicamente, lo hanno paragonato a Orhan Pamuk che si è fatto pubblicità per il Premio Nobel dichiarando che i turchi devono riconoscere il genocidio armeno: “anche Aylisli aspira al premio Nobel, per questo distorce la storia del suo popolo”.

Le motivazioni che hanno accompagnato le misure repressive inflitte allo scrittore ruotano attorno ad un’unica argomentazione: niente è più importante del sentimento nazionale. Credere nella convivenza pacifica tra armeni e azeri è un tradimento di quel sentimento di onore e di attaccamento alla nazione che ogni buon cittadino azero deve avere e non deve mai tradire.

Gli armeni sono i nemici del popolo azero, perché hanno sferrato un attacco all’’integrità nazionale ed eroe diventa chi rende giustizia al popolo azero difendendo con tutti i mezzi il sentimento nazionale: Un’enorme quantità di persone non tengono nulla nella loro anima, o possiedono qualcosa di sinistro dentro, si nascondono dietro le cosiddette visioni nazionali e se la cavano seminando semi di odio tra popoli e nazioni che non molto tempo fa vivevano insieme in pace.

Akram Aylisli respinge ogni attacco e accusa la classe dirigente azera di sfruttare il problema armeno- azero per ottenere vantaggi. Ci sono persone che hanno fatto fortuna sulla sofferenza dei due popoli, si sono costruite carriere, si sono arricchiti, hanno avuto incarichi governativi: Sapevo, afferma Aylisli, che queste persone avrebbero reagito rabbiosamente al mio scritto. Vedono che quello che dico è contro di loro e non ammetteranno mai di avere sbagliato nell’alimentare questa guerra che ha causato enormi sofferenze a questi popoli. Non vogliono che questo conflitto si risolva, vogliono continuare le loro vite nel lusso, vivere nelle loro ville e lasciare che la gente comune soffra.

Nel Paese, prima dell’ultima guerra, non serpeggiava solo la rabbia e l’insofferenza verso chi parla di pace e di convivenza. Akram Aylisli con la sua testimonianza di verità e il suo coraggio civile stava creando le condizioni per un cambiamento. Ha rianimato l’opposizione al regime e rinvigorito il dibattito interno tra le nuove generazioni.  

Biografia a cura del Console onorario della Repubblica d'Armenia in Italia e co-fondatore di Gariwo Pietro Kuciukian

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Coraggio civile

coloro che si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.