English version | Cerca nel sito:

I tassisti afgani che sfidano la morte per salvare vite

Un tassista afgano

Un tassista afgano

Nella provincia di Uruzgan, al Sud dell'Afghanistan, dove è in corso una delle peggiori offensive dei Talebani, 60 tassisti volontari addestrati dalla Croce Rossa trasportano nei propri veicoli i feriti che necessitano cure mediche in ospedale.

"Per me salvare una vita signifca salvare il mondo intero". Così Zamaryalai, tassista di 35 anni che ogni giorno guida per ore su alcune delle strade piu pericolose al mondo, portando con sè solo una carta scritta dalla Croce Rossa in cui viene spiegata la necessità per quei feriti di ricevere cure mediche il prima possibile.

Zamaryalai decise di unirsi al gruppo di volontari dopo aver assistito impotente alla morte per dissanguamento di un uomo. Da allora, ha compiuto più di cento viaggi trasportando feriti di guerra e rischiando la propria vita affrontando mine anticarro, attacchi aerei, autobomba e combattimenti contro i gruppi terroristi che operano nella zona.

I tassisti vanno in aiuto di tutti i feriti (civili, talebani, paramilitari e soldati dell'esercito), senza distinzioni. Soccorrono tutti senza schierarsi da una parte o dall'altra. Il loro unico obiettivo è salvare vite.

"In un'occasione un uomo armato fermò il mio veicolo e mi colpì accusandomi di trasportare il nemico. L'uomo stava per uccidere il ferito. Fortunatamente la Croce Rossa arrivò e spiegò a quella persona che il nostro era un lavoro neutrale" conclude Zamaryalai.

Quello di questi autisti volontari è un impegno fondamentale del quale gli stessi medici dell'ospedale sono coscienti e grati, perché "in molte occasioni, i primi soccorsi forniti hanno salvato i pazienti che venivano da regioni molto lontane" - come spiega il dottor Aziz Ahmad, chirurgo dell'ospedale. "Senza questo aiuto molti feriti sarebbero morti".

L'operato di questi tassisti è quasi sempre anonimo. Dovessero morire, non ci saranno medaglie nè funerali solenni a ricordare le loro azioni. Azioni di chi, nonostante tutto, continua a sfidare la morte per il bene degli altri.

19 settembre 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Coraggio civile

la forza della dignità umana

In ogni parte del mondo si sono verificate ed esistono tuttora situazioni estreme di violazione dei diritti umani, di persecuzione e di negazione della libertà. Chi trova il coraggio di opporsi, di salvaguardare la propria integrità morale, di affermare il dovere della verità, di denunciare i crimini contro l'Umanità e di battersi per difendere i valori fondanti della convivenza civile, può essere definito Giusto. 
Giornalisti come Sihem Bensedrine in Tunisia e scrittori come Gao Xingjian in Cina, diplomatici come Enrico Calamai in Argentina e artisti come Sunila Abeysekera nello Sri Lanka, studenti come Bo Kyi in Birmania e attivisti, leader sindacali o politici come Maria Elena Moyano in Perù, Guillermo Chen in Guatemala, Fannie Lou Hamer negli Stati Uniti, scienziati, avvocati, medici, intellettuali come Vassili Nesterenko in Bielorussia, Sylvie Maunga Mbanga in Congo, Halima Bashir in Darfur, Hashem Aghajari in Iran. 
Senza dimenticare le figure femminili in prima fila nella difesa dei diritti delle donne calpestati in molte parti del mondo, come Betty Makoni nello Zimbawe, Hawa Aden Mohamed in Somalia,  Khalida Toumi Messaoudi in Algeria,  Lydia Chaco in Messico.
Così come i nomi più noti nella difesa dei diritti umani e civili come Nelson Mandela in Sudafrica, Aung San Suu Kyi in Birmania, Anna Politkovskaja in Russia, Orhan Pamuk in Turchia, Natasha Kandic in Serbia e Svetlana Broz in Bosnia, Ayaan Hirsi Ali dalla Somalia, le madri di Plaza de Mayo in Argentina. 

Multimedia

Le parole di Sonita Alizadeh

rapper contro la pratica delle spose bambine

La storia

Gao Xingjian

Scrittore cinese premio Nobel per la letteratura