Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/coraggio-civile/yuri-bandazhevsky-2461.html
Gariwo

Yuri Bandazhevsky (1957)

scienziato anatomopatologo, ha indagato sulle conseguenze del disastro di Chernobyl

Nato il 9 gennaio 1957 nella regione di Grodno, in Bielorussia, Bandazhevsky si specializza come anatomopatologo e nel 1991 fonda l'Istituto medico statale di Gomel in Bielorussia, il primo centro di studi dedicato a indagare sulle conseguenze ambientali del disastro di Chernobyl del 1986.

Il Professor Bandazhevsky dirige l’istituto fino al 1999 e con le sue ricerche riesce a dimostrare gli effetti nel tempo dell’esposizione continua a piccole quantità e basse dosi di radionuclidi, le particelle radioattive che si sono depositate sulle cime degli alberi e sul suolo all'indomani dell’esplosione della centrale nucleare.

Nel giugno 2001 è condannato a otto anni di reclusione con l'accusa di aver ricevuto denaro dai genitori dei suoi studenti.
Secondo gli attivisti per i diritti umani Bandazhevsky è un prigioniero di coscienza, Amnesty International ritiene la sua detenzione correlata alle ricerche sulla catastrofe di Chernobyl e alle critiche riguardo alla risposta delle autorità sui danni subiti dagli abitanti della regione di Gomel.

Lo scienziato è rilasciato in libertà vigilata nell’agosto 2005 con il divieto di lasciare la Bielorussia. Successivamente si trasferisce in Francia, a Clermont-Ferrand (città gemellata con Gomel), invitato dal sindaco per lavorare nell'università e nell'ospedale sulle conseguenze dell’incidente a Chernobyl, con il sostegno della Commission de recherche et d'information indépendantes sur la radioactivité (CRIIRAD).

Dal 2013 il Professor Bandazhevsky è responsabile del centro internazionale di ricerca "Ecology and Health” istituito a Kiev, che conduce studi sugli effetti delle radiazioni sulla popolazione, in particolare sui bambini, nelle aree contaminate dell’Ucraina, e dirige il progetto di tutela della salute "Chernobyl: Ecology and Health” nel distretto di Ivankiv, finanziato dalla Commissione Europea.

Nel mese di aprile del 2020 un devastante incendio, durato dieci giorni ed esteso in un raggio di 30 km, colpisce la zona di esclusione di Chernobyl, bruciando centinaia di ettari di bosco e accumulando un’enorme quantità di elementi radioattivi. Il Professor Bandazhevsky interviene subito lanciando un appello urgente a tutta la comunità internazionale per richiamare l’attenzione sulla situazione drammatica dei 600 bambini e delle loro famiglie residenti nell’area, vittime del disastro.

In questa operazione di soccorso Bandazhevsky è affiancato da Chernobyl Children International (CCI), organizzazione internazionale, medica e umanitaria, accreditata dall'Organizzazione delle Nazioni Unite e senza fini di lucro, che lavora con bambini, famiglie e comunità tuttora alle prese con le conseguenze economiche dell'incidente di Chernobyl.

Chernobyl Children International ha donato vitamine e aiuti generici per difendere i bambini dall’effetto dei radionuclidi, che si sono dispersi nuovamente nell'atmosfera a causa degli incendi nelle foreste.

Per indicare strumenti utili ad affrontare queste catastrofi il Professor Bandazhevsky ha da poco pubblicato, assieme a Dubovaya N. F., il libro Forest fires in the Chernobyl Exclusion Zone and childrens health, che analizza l'impatto degli incendi boschivi nella zona di esclusione di Chernobyl sulla salute dei bambini, residenti nelle località vicine.

Il volume contiene inoltre dati sui livelli di sostanze radioattive nel suolo e negli alberi della foresta della zona di Chernobyl e dei distretti adiacenti.

Il libro è destinato a medici di tutte le specialità, ecologisti, scienziati, specialisti nel campo della radioprotezione, interessati alle conseguenze dell'incidente alla centrale nucleare di Chernobyl.

La sua odissea è raccontata nel libro Bugie nucleari, di Silvia Pochettino, Ed. Gruppo Abele, 2008

In un'intervista Bandazhevsky ha dichiarato: "A 16 anni ho iniziato a fare esperimenti e i miei studi sono sempre stati indipendenti. Mi dissero: 'Elimina la parola radiazioni e avrai tutto'. Risposi di no. Il mio unico obiettivo è aiutare le persone."

Giardini che onorano Yuri Bandazhevsky

Trovi un albero nel Giardino Virtuale Storie Gariwo.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati

L’enciclopedia dei Giusti - Coraggio civile

coloro che si battono per difendere i perseguitati, le vittime innocenti di crimini contro l'Umanità, per salvaguardare la dignità e i diritti umani, per rivendicare la libertà di espressione e il dovere della verità

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.