English version | Cerca nel sito:

La pietra della memoria necessaria alla riconciliazione

Napolitano e Gauck a Sant'Anna di Stazzema

"Senza dimenticare la memoria del dolore e ricordando il sacrificio di quelle vittime, non con la sola disperazione ma con il perdono e la riconciliazione". Nelle parole di Mario Marsili, uno dei superstiti dell'eccidio di Sant'Anna di Stazzema, risiede il significato dell'incontro di ieri tra il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il presidente tedesco Joachim Gauck.


La cerimonia svoltasi davanti all'Ossario dei martiri di Sant'Anna si è concentrata infatti su due parole: memoria e riconciliazione.

"Vedete, l'Europa unita l'abbiamo costruita insieme in questi sessant'anni - ha ricordato Napolitano - E vorrei dire che tra le pietre con cui abbiamo costruito questa Europa unita, c'è la pietra della memoria. Ne costituisce uno dei fondamenti, la pietra di una memoria che non può essere rimossa, di una memoria consapevole degli errori e degli orrori di tutte le guerre del novecento e, soprattutto, delle guerre di aggressione scatenate tra il 1939 e il 1940-41 dalla Germania nazista e dall'Italia fascista". 

Ricordare insieme, uniti dalla bandiera europea, le vittime del massacro nazista in cui vennero uccisi 560 innocenti, ha permesso di superare le polemiche e le scuse formali, e di compiere un primo passo verso la riconciliazione. Al presidente tedesco che sottolineava il fatto che "la riconciliazione non possa essere chiesta, ma solo concessa con generosità. E non deve diventare oblio", Napolitano ha risposto sostenendo la necessità di non identificare tutto il popolo tedesco con il nazismo: "Non dimentichiamo le nostre responsabilità storiche, ma guardiamo avanti - ha dichiarato il Presidente - Guardiamo avanti onorando innanzitutto il terribile sacrificio delle vittime, e mai si potrà dire tutto il merito di coloro che coltivano anche l'omaggio a queste vittime; guardiamo avanti coltivando e trasmettendo la memoria storica come patrimonio comune".

In chiusura, l'analisi del concetto di colpa, quasi in risposta alle discussioni scatenate dalla decisione del Tribunale di Stoccarda di archiviare il procedimento a carico delle SS responsabili del massacro "Ferisce profondamente il nostro senso di giustizia, – ha detto Gauck – il fatto che questi crimini non possano essere puniti perché gli strumenti del nostro stato giuridico non lo consentono. Molto spesso, da cittadini, restiamo senza parole di fronte a questo. Ma la colpa non è solo analizzabile dal punto di vista penale: sappiamo che c'è una dimensione morale, religiosa e politica". 

"Ha detto delle cose molto belle il Presidente Gauck or ora, sul concetto di colpa, sul problema del come si può anche vedere condannata moralmente e storicamente la colpa di regimi infami - gli ha fatto eco Napolitano - Io vorrei anche dire che questa memoria, questo omaggio collettivo è anch'esso un'alta forma di giustizia, anche più alta di quella che talvolta non si riesce a trovare nei tribunali".

25 marzo 2013

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Dialogo e riconciliazione

tra vittime e persecutori sono i Giusti a parlare al futuro

Nel tessuto sociale lacerato di un Paese in cui è stato perpetrato un genocidio o altri crimini contro l'Umanità, è molto difficile, anche a distanza di anni, la ripresa di un dialogo per ricucire gli strappi e ricostruire una trama di convivenza civile tra chi appartiene al campo delle vittime - come i sopravvissuti o i familiari o i rifugiati e i loro eredi- e chi a quello dei persecutori, dei complici o degli indifferenti. A cui si aggiunge il ruolo primario dello Stato, dei suoi funzionari e governanti, che spesso cercano di negare l'accaduto e rifiutano di assumersi le responsabilità - pur evidenti - dei massacri. Solo la capacità di reazione e di ascolto di chi non si è piegato all'omologazione dei comportamenti nel gruppo dei persecutori e ha rifiutato di adeguarsi a condotte che la coscienza non approva, può garantire la ripresa di una comunicazione tra le parti che sappia coniugare l'esigenza della verità e l'assunzione di responsabilità con l'apertura al futuro e  a una comune progettualità. 
I Giusti sono gli unici ad avere le carte in regola per farlo.

leggi tutto

Multimedia

"L'importanza dei Giusti"

intervista ad Aldo Ferrari

La storia

Taner Akcam

uno dei primi accademici turchi a riconoscere e parlare del genocidio armeno