Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/genocidio-armeni/ali-souad-bey-1503.html
Gariwo

Ali Souad Bey (? - 1916)

Il funzionario turco che aiutò gli armeni durante il Genocidio

Ali Souad Bey era il prefetto turco di Deir-es-Zor, il luogo in cui venivano concentrati gli armeni da mandare a morire nel deserto tra il 1915 e il '16. Fu soprannominato "il governatore buono" perché cercò in tutti i modi di sottrarre alla deportazione il maggior numero possibile di sventurati e organizzò nei campi di transito di Ras-ul-Ain e della stessa città di Deir-es-Zor, a capo della regione omonima, le strutture necessarie alla loro sopravvivenza e alla cura dei più deboli. Fece proteggere gli insediamenti con i propri gendarmi dagli attacchi dei predoni arabi e fece costruire un grande ospedale e un intero quartiere per ospitare le famiglie armene, che in suo onore venne chiamato "Souadiè". Trasformò la propria abitazione privata in rifugio per i bambini armeni rimasti orfani e fece costruire un grande ponte di legno sul fiume Eufrate per impiegare manodopera armena da sottrarre alla deportazione.

Nei primi mesi del 1916 le autorità turche di Aleppo preposte allo sterminio degli armeni chiesero conto al prefetto di Deir-es-Zor della situazione, contraria ai loro piani, creatasi nella regione, intimandogli con un telegramma di mantenere fede all’ordine di "spedirli nel deserto". Ma Ali Souad Bey rispose con un altro telegramma di non avere a disposizione i mezzi di trasporto per ubbidire all’ordine. Aggiunse anche che "se lo scopo nel quale insistete è di massacrarli, io non posso farlo e nemmeno permettere che altri lo facciano".

Questa risposta gli costò il posto e fu costretto a dimettersi. Nel luglio del 1916 fu allontanato da Deir-es-Zor e deportato, secondo alcune voci, a Konia e ucciso. La "Piccola Armenia" creata dal "governatore buono" precipitò nell’orrore perché Ali Souad fu sostituito da Salih Zeki Bey, che eseguì alla perfezione gli ordini dei suoi superiori, divenendo lo zelante massacratore della popolazione armena.

Libri:

Pietro Kuciukian, Voci nel deserto. Giusti e testimoni per gli armeni, Guerini, Milano 2000;

Raymond H. Kévorkian,  L'opposition de functionnaires ottomamans au génocide des arméniens (pp. 205-220), in: Jacques Sémelin, Claire Andrieu, Sarah Gensburger, La résistance aux génocides, De la pluralité des actes de sauvetage, Presses de Sciences Po, Paris 2008;

Andrea Ricciardi, La strage dei cristiani. Mardin, gli armeni e la fine del mondo, Laterza, Bari-Roma 2016.

Giardini che onorano Ali Souad Bey

Trovi un albero nel Giardino Virtuale Storie Gariwo.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

Contenuti correlati

L’enciclopedia dei Giusti - Genocidio armeni

prima, durante e dopo il genocidio hanno aiutato le vittime, hanno cercato di fermare i massacri o hanno testimoniato e denunciato al mondo, a rischio personale, la pianificazione e l’esecuzione del progetto genocidario

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.