Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/genocidio-rom-e-sinti/storie-segnalate-da-gariwo/alfreda-noncia-markowska-23835.html
Gariwo

Alfreda “Noncia” Markowska (1926 - 2021)

la rom che salvò decine di bambini del suo popolo ed ebrei

“Noncia” era una polacca di etnia rom, originaria di Stanisławów. Quando scoppiò la guerra, la sua tribù si trovava nei pressi di Leopoli; per paura dell’Armata Rossa si spostarono a Occidente, ma solo per finire nel territorio occupato dai nazisti. Sistemarono l’accampamento in un bosco. Un giorno Noncia, che aveva allora circa quindici anni, si allontanò dal gruppo per andare a lavorare, ossia a guadagnare qualche spiccio leggendo la mano alle contadine. Al ritorno un passante la avvertì di nascondersi, che c’era un grande pericolo

Noncia rimase diverse ore acquattata fra le rovine di una stalla. Si sentivano in continuazione grida e spari, ma quello era un sottofondo usuale per i tempi... Quando tornò all’accampamento però vide quello che non avrebbe mai voluto vedere: in una fossa comune giacevano accatastati i corpi di tutta la sua grande famiglia, ottanta persone, fra cui molti bambini. Una delle più grandi e antiche tribù rom di Volinia era stata sterminata nel giro di poche ore. Vagando nei boschi Noncia ritrovò il suo giovanissimo marito, anche lui allontanatosi fortunosamente dal luogo della strage. 

Dal quel giorno Noncia ebbe una missione: ovunque ci fosse una strage, di rom o di ebrei, lei si avvicinava e cercava di portare in salvo il maggior numero di bambini. In questa maniera ne salvò oltre cinquanta. Li faceva fuggire dai trasporti, li infilava dentro sacchi di piume, li nascondeva sotto le ampie gonne colorate. Aveva scavato piccoli ripari nel bosco. A un certo punto la sua fama si era diffusa, erano i bambini stessi che l’andavano a cercare. Quando poteva li restituiva a genitori e parenti. Solo diversi anni dopo la guerra alcuni dei bambini da lei salvati riuscirono a rintracciarla; Noncia nel frattempo aveva continuato a guadagnarsi da vivere con le attività dei gitani, le stesse grazie alle quali durante l’occupazione riusciva a sfamare anche decine di piccoli.

Nel 2006 la regista polacca Agnieszka Arnold ha girato un film sulla sua vita: Puri Daj “La vecchia madre”.

Il 17 ottobre del 2006 l’allora presidente polacco Lech Kaczyński appuntò una croce dorata sul petto di Alfreda “Noncia” Markowska, la prima donna rom a ricevere un’onorificenza statale polacca, e disse: “Se oggi esiste il popolo ebraico [...] e se molti polacchi di origine ebraica abitano ancora il nostro paese; se oggi esiste il popolo rom, e una parte di esso abita in Polonia [...], è perché ci sono state persone come lei. A persone come lei dobbiamo riconoscenza e stima. E per persone come lei è stata pensata l’onorificenza che oggi ho l’onore di consegnarle, una delle massime onorificenze del nostro paese, l’Ordine del Cavaliere di Gran Croce. Allora chi salvava una vita non era punito con il carcere, non era punito con la deportazione. Chi salvava una vita era punito con la morte, spesso fra le torture. La ringrazio infinitamente” («Gazeta Wyborcza», 18 ottobre 2006).

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Genocidio Rom e Sinti

durante lo sterminio del Porajmos ("Distruzione"), negli anni della Seconda guerra mondiale, ci furono persone che salvarono vite, aiutarono bambini o fecero fuggire i prigionieri

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.