Gariwo
https://it.gariwo.net/giusti/genocidio-ruanda/antonia-locatelli-2416.html
Gariwo

Antonia Locatelli (1937 - 1992)

fu assassinata per aver denunciato il genocidio in Ruanda

Volontaria italiana in Ruanda dal 1972, assiste a uno dei massacri preparatori del genocidio. Nel 1992, nella regione di Bugesera, a sud di Kigali, gli estremisti hutu sperimentano l’efficacia della radio che incita all’omicidio. 

La regione del Bugesera, in origine insalubre e poco popolata, venne colonizzata, a partire dagli anni ’60, da tutsi cacciati dalle loro terre. Negli anni seguenti, a causa della forte pressione demografica, molti hutu si stabilirono nella regione e cominciarono a guardare con invidia alle terre valorizzate dai tutsi. Su quell’invidia fece leva la propaganda radiofonica dell’hutu-power. Appena la radio lanciò il segnale, cominciò la caccia all’uomo.

Antonia è spettatrice dei massacri. Nel tentativo di salvare 300 o 400 tutsi, dà l’allarme per telefono: chiama l’ambasciata del Belgio, la radio RF1 e la BBC per denunciare quanto avveniva sotto i suoi occhi. Il giorno seguente al suo appello viene uccisa davanti a casa da un gruppo di miliziani interahamwe, venuto appositamente da Kigali. Grazie a lei, tuttavia, il mondo fu informato e la polizia fu costretta ad intervenire e a porre fine alla carneficina.

È sepolta a Nyamata, vicino a una chiesa all’interno della quale, due anni dopo, sono stati massacrati migliaia di tutsi.

Fonti: P. Costa–L. Scalettari, La lista del console, “nordsud”, ed. Paoline, Milano, 2004, pag. 43.
André Sibomana, J’accuse per il Ruanda, ed. Gruppo Abele, Torino, 1998, pp. 65 e 117.

Giardini che onorano Antonia Locatelli

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Grazie per aver dato la tua adesione!

L’enciclopedia dei Giusti - Genocidio Ruanda

coloro che hanno saputo reagire con comportamenti di aiuto, di soccorso e con atteggiamenti comunque solidali sono tanto più degni di considerazione e di rispetto, in quanto si staccano da una folla di persone che non hanno saputo o voluto agire e reagire

Filtra per:

Ci spiace, nessun Giusto corrisponde ai filtri che hai scelto.