Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

"Innamoratevi della libertà"

Da don Barbareschi a Seedorf per la Giornata europea dei Giusti

Milano ha celebrato la seconda Giornata europea dei Giusti al Giardino del Monte Stella con l’annuale cerimonia di dedica dei nuovi alberi Nelson Mandela, Angelo Giuseppe Roncalli, Beatrice Rohner, Giuseppe Sala, Fernanda Wittgens e don Giovanni Barbareschi, l’unico tra i nuovi Giusti ad essere ancora in vita.

I cippi sono stati scoperti alla presenza del sindaco Giuliano Pisapia, del Vescovo ausiliare Monsignor Erminio De Scalzi, del presidente del Consiglio Comunale Basilio Rizzo, del presidente di Gariwo Gabriele Nissim, del consigliere UCEI Giorgio Mortara e del Console onorario della Repubblica d’Armenia Pietro Kuciukian.

Parla ai tanti ragazzi presenti alla cerimonia don Barbareschi, per ricordare che “O si vive come si pensa o si è schiavi. Vi auguro di essere capaci di reagire alla schiavitù di oggi: ieri ci facevano paura usando i mitra, oggi cercano di condizionarvi con la mano di velluto, ma vi strozzano lo stesso. Siate liberi, critici e consapevoli. L’umanità non si divide tra esseri credenti e non credenti, ma tra uomini schiavi e uomini liberi”. Il suo è un appello accorato e molto toccante: “Giovani, innamoratevi della libertà. Solo così si diventa uomini”.

Alla cerimonia partecipa anche Clarence Seedorf, da anni impegnato in iniziative umanitarie e nella lotta contro il razzismo. “Lo sport - ha ricordato l’allenatore del Milan -  è un veicolo fantastico di formazione per i giovani, soprattutto nella lotta al razzismo. Nessuno nasce razzista. Tutti i bambini nascono con un cuore puro e dobbiamo mantenere questo cuore il più puro possibile. Sento troppo spesso parlare di lotta al razzismo, e invece dovremmo parlare di più di integrazione, collaborazione e rispetto reciproco”.

In questa occasione Seedorf ha potuto salutare Sello Hatang, CEO della Nelson Mandela Foundation, che aveva già incontrato in Sudafrica insieme allo stesso Mandela. Un abbraccio fa da passaggio di testimone tra i due, lasciando la parola ad Hatang, che racconta ai giovani di Madiba e ricorda che la riconciliazione “non può passare solo dalle leggi, ma deve partire dal cuore delle persone”.

A Marco Roncalli, pronipote di Papa Giovanni XXIII, è affidato invece il ricordo del pontefice che non solo soccorse gli ebrei quando era Delegato apostolico a Istanbul e a Parigi, ma che aprì anche la Chiesa al mondo, al dialogo interreligioso, all’ecumenismo, alla libertà, alla giustizia e alla pace.

E mentre Pisapia definisce il Giardino dei Giusti come un luogo che rende più solide le basi su cui fondare il nostro futuro, Sandrina Bandera, direttrice di Brera, racconta la vita di Fernanda Wittgens, l’avvocato Claudio Sala ricorda la passione del nonno per il dialetto milanese e l’ambasciatore armeno Sargis Ghazaryan esorta a non abbandonarsi al negazionismo, fenomeno che “uccide la memoria”.

“Dobbiamo dedicare questa Giornata - ha ricordato Gabriele Nissim - tanto ai Giusti del passato quanto a quelli di oggi, che difendono la dignità umana in Ucraina, in Siria, in Centrafrica. I Giusti in fondo unificano le memorie, perché dimostrano che ogni essere umano può fare qualcosa contro il male”.

Nel box approfondimenti gli interventi di Giorgio Mortara e del Mons. De Scalzi e la rassegna stampa

7 marzo 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Cerimonia al Giardino dei Giusti di Milano 2014

in onore di Giovanni XXIII, Beatrice Rohner, Nelson Mandela, Giuseppe Sala, Don Barbareschi, Fernanda Wittgens e dei Giusti milanesi

Altre gallerie fotografiche...

6 marzo 2014 - Concerto Musica per la gratitudine

Sala Alessi, Palazzo Marino

Giornata europea dei Giusti

Il valore dell’individuo e della responsabilità personale

Il 10 maggio il Parlamento di Strasburgo ha approvato la Dichiarazione scritta che istituisce il 6 marzo come Giornata europea in memoria dei Giusti.
Il concetto di Giusto, nato dall’elaborazione del memoriale di Yad Vashem per ricordare i non ebrei che sono andati in soccorso degli ebrei, diventa così patrimonio di tutta l’umanità.

Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

Il termine “Giusto” non è più circoscritto alla Shoah ma diventa un punto di riferimento per ricordare quanti in tutti i genocidi e totalitarismi si sono prodigati per difendere la dignità umana.

Il significato di questa decisione richiama uno degli elementi fondanti della cultura europea: il valore dell’individuo e della responsabilità personale.

leggi tutto

Multimedia

Intervento di Gabriele Nissim

Palazzo Cusani - "La memoria del Bene e l'educazione alla Responsabilità"